Torniamo al Sabbath come atto radicale contro il 'lavoro totale'

Da ragazzo alla fine degli anni '40, a Memphis, mio ​​padre riceveva un nickel, ogni venerdì sera, dall'immigrato ebreo russo di nome Harry Levenson per accendere le sue luci, poiché la Torah vieta l'illuminazione "nella vostra casa di sabato".

Tuttavia mio padre si chiedeva, se stesse in qualche modo peccando. Il quarto comandamento dice che di sabato "non farai alcun lavoro: tu, tuo figlio o tua figlia, il tuo schiavo maschio o femmina, il tuo bestiame o lo straniero residente nelle tue città". Mio padre era servo di Levenson? Se così, come mai potrebbe accendere le luci di Levenson? Sarebbero finiti entrambi all'inferno?

"Ricorda il giorno del sabato e mantienilo santo."
Il comandamento sa di puritanesimo superato: il negozio di liquori chiuso, l'assegno in attesa in un ufficio postale chiuso.
Il Sabbath è un inconveniente, o nella migliore delle ipotesi una bella idea in contrasto con la realtà.
Ma osservarlo può effettivamente essere un atto radicale. Anche se, obsoleto e poco pratico.
 
Se preso sul serio, il Sabbath ha il potere di riformare non solo il calendario ma anche integralmente  l'economia politica.
Al posto di un'economia costruita sul profitto - con movente, il sempre presente bisogno di altro, e la necessità di non possedere  mai abbastanza - il Sabbath privilegia  un'economia costruita sulla convinzione che ce n'è abbastanza per tutti.

Ma pochi che osservano il Sabbath sono disposti a considerare le sue implicazioni complete, e quindi ancor meno di quelli che non osservano ha motivazioni per trovare qualsiasi valore in esso.

Il radicalismo del Sabbath non dovrebbe arrendersi al fatto che ha avuto origine in una comunità di ex schiavi.

I 10 comandamenti costituirono un manifesto contro il regime da cui erano recentemente fuggiti e si ribellarono contro quel regime nel cuore dell'identità del loro dio, come attestato nel primo comandamento:
"Sono il Signore tuo Dio, che ti ho fatto uscire dalla terra d'Egitto, dalla casa della schiavitù."
Quando gli antichi israeliti giurarono di adorare un dio, capirono che significava che non dovevano fedeltà al faraone o ad altri imperatori.

È istruttivo leggere, il quarto comandamento alla luce delle pratiche lavorative del faraone, nel libro dell'Esodo.

Faraone raffigurato come un manager mai soddisfatto dei suoi schiavi, specialmente quelli che costruiscono le strutture per immagazzinare il grano in eccesso.

Il faraone ordina che gli schiavi non ricevano più la paglia con cui fabbricare mattoni; ora devono raccogliere la loro paglia, mentre la quota giornaliera per i mattoni rimarrebbe la stessa. Quando molti non riescono a raggiungere la loro quota, il faraone li ha batte e li chiama pigri.

Il quarto comandamento presenta un dio che, piuttosto che esigere sempre più lavoro, insiste sul riposo.
Il sabato settimanale è stato fatto ed è stato suggerito che va benissimo; abbastanza lavoro è stato fatto negli altri sei giorni.
Il Signore riposò: 'Per sei giorni il Signore fece il cielo e la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, ma riposò il settimo giorno; perciò il Signore ha benedetto il giorno del sabato e lo ha consacrato '.
 
Il Sabbath, come descritto in Esodo e in altri passaggi della Torah, ebbe un effetto democratizzante.
L'esempio di Yahweh - non forzare gli altri a lavorare mentre Yahweh riposava - ciò che una persona al potere doveva imitare.
Non ti bastava riposare; anche i tuoi figli, schiavi, bestiame e persino gli "alieni" nelle tue città dovevano riposare.
Il Sabbath non era solo un momento di riflessione personale e ringiovanimento. Non era cura di sé. Era per tutti.
 
dieci comandamenti C'era una ragione per cui quelli dovevano riguardare Dio.
Come lo studioso dell'Antico Testamento Walter Brueggemann sottolinea nel suo libro Sabbath as Resistance (2014), un'economia faraonica guidata da ansia, violenza, disonestà, gelosia, furto, mercificazione del sesso e alienazione familiare.
 
Nessuno di questi aveva un posto nell'economia toraica, che non era guidata dall'ansia ma dalla completezza, dalla sufficienza.
In una tale società, non è necessario assassinare, bramare, mentire, commettere adulterio o disonorare i genitori.
 

La centralità del Sabbath sull'economia toraica è stata resa più chiara in altre leggi basate sul quarto comandamento.

Ogni settimo anno, gli israeliti lasciavano i loro campi incolti e ciò che lasciano è cibo per gli animali selvatici.

Ogni cinquantesimo anno, non solo lasciavano i loro campi incolti, ma perdonavano tutti i debiti; tutti gli schiavi dovevano essere liberati e restituiti alle loro famiglie, e tutte le terre tornarono ai loro abitanti originali.

Molto diverso dal regime faraonico in cui il grano in eccesso veniva raccolto e distribuito ai poveri solo in cambio di lavoro e lealtà. L'obiettivo non era accumulare potere ma riconciliare la comunità.

Non è noto se questi comandi radicali fossero eseguiti la lettera nell'antico Israele.

In ogni caso, solo nominalmente è osservato il ​​giorno di riposo. Il sabato è stato desacralizzato nel fine settimana e questo ha spianato la strada alla scomparsa del Sabbath.
Il declino del lavoro a tempo pieno e l'ascesa della gig economy significano che dobbiamo impegnarci incessantemente e non riposare mai. Perché non hai risposto a quell'email? Non potresti essere più produttivo con il tuo tempo? Porta il tuo telefono in bagno in modo da poterti tenere occupato.

Ci aspettiamo di competere l'uno con l'altro per il nostro lavoro, quindi ognuno di noi diventa il nostro taskmaster, il nostro faraone. Offri al tuo datore di lavoro sempre più lavoro, in modo da ridurre la concorrenza - sempre più mattoni e porterai la tua paglia.

Nella nostra economia neo-faraonica, non valiamo nient'altro che il lavoro che possiamo svolgere e il valore del nostro lavoro viene il più possibile svalutato. Non potremo mai lavorare abbastanza. Una società capitalista orientata al profitto dipende dall'ansia di ottenere di più e si guasterebbe se ce ne fosse mai abbastanza.

Il Sabbath non ha posto in una tale società e anzi stravolge i suoi principi più elementari. In un'economia sabbataria, il diritto al riposo è il diritto di non fare nulla. Non c'è più niente da fare per noi. Possiamo cancellare tutti i debiti dai nostri archivi perché è necessario che la comunità sia integra.

È tempo per noi, qualunque siano le nostre credenze religiose, di vedere le leggi sabbatarie di un tempo non così arretrate e fariseiche, ma piuttosto come le dichiarazioni liberatorie che dovevano essere.
Sabbath - o, per dirla in altro modo, come dovrebbe essere la nostra società per rendere possibile il sabato.

Questi concetti sono possibili grazie al sostegno all'autore di una sovvenzione da parte del Templeton Religion Trust e Aeon. Le opinioni espresse in questa pubblicazione sono quelle del Templeton Religion Trust.


Autore: William R Black
È uno storico della religione e della cultura americana, con particolare attenzione all'era della guerra civile. Ha recentemente conseguito il dottorato presso la Rice University e ora insegna alla Western Kentucky University.

Fonte: AEON https://aeon.co

0
2
0
s2smodern
  Il tuo attuale accesso non ti consente di visualizzare i commenti in questa sezione
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/218
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy