Google si schiera in un silenzio assordante

Giovanni Buttarelli, Garante europeo per la privacy, nel giorno della morte ha subito il più negligente e arrogante attacco da Google, privacy e la riservatezza, sono state violate.

ButtarelliNel 2009 il Parlamento europeo lo designò come Garante aggiunto presso l'EDPS (European Data Protection Supervisor), l'autorità di sorveglianza indipendente per la protezione dei dati, che poi fu chiamato a condurre il 4 dicembre con cinque anni di mandato che purtroppo non è riuscito a concludere a causa della malattia che lo affliggeva da tempo.

A poche ore, neanche la notizia si era diffusa sui media, era possibile visualizzare la causa della morte del magistrato semplicemente attraverso il motore di ricerca. L’informazione una volta “registrata” dal motore è rimbalzata attraverso i social e c’è chi sostiene che nella pagina dedicata al magistrato italiano sulla versione inglese di Wikipedia fosse fra le informazioni disponibili. 

C'è chi si sciaqua la bocca con le parole, poi sputa. 

Se su Google e Wikipedia non è però più disponibile – si tratta di dati sensibili e dunque probabilmente per questa ragione sono stati rimossi pur essendo Buttarelli un personaggio pubblico – resta ancora alla “mercè” di chiunque su Pictame, la piattaforma di data analytics di Instagram.
In particolare le informazioni sulla causa della morte del Garante Privacy europeo sono state pubblicate nel “Celebrity Obituary”, l’obitorio online delle celebrità in cui sono riportate fotografie e informazioni sensibili su numerosissimi personaggi scomparsi. Chiunque può liberamente visualizzare la “scheda” su Buttarelli.
 

Mai riuscito a rispondere compiutamente alle uniche importanti domande della vita: “quanto costa?”, “quanto ci guadagno?”. Quindi “so e non so perché lo faccio …” ma lo devo fare perché sono curioso. Assecondami.

0
2
0
s2smodern
  Il tuo attuale accesso non ti consente di visualizzare i commenti in questa sezione
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/218
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy