Siamo contagiati dalla 'zombificazione' malattia che non fa distinzioni

Il  contagio si rivela con  un annientamento cerebrale generato dal consumo indiscriminato e acritico di fronte al martellamento mediatico che accompagna ogni tipo di notizie che si affastellano le une sulle altre e che non riusciamo a percepire con il dovuto distacco critico. L’abulia, la spersonalizzazione, la meccanicità dei movimenti e l’apatia sono caratteristiche anche della raffigurazione cinematografica dello zombie, presente sugli schermi da quasi novant'anni. Una ragione c'è.

di  Guy Van Stratten

Continua a leggere

Gesù era gay? San Marco ci scrisse su e Netflix ci marcia

di Laura Menti

Bastava che avesse letto qualche pagina dell'evangelista Marco il giudice di Rio che l'altra settimana ha bloccato il discussissimo film “La prima tentazione di Cristo” sulla piattaforma di Netflix per "rispetto alla maggioranza dei brasiliani, di fede cattolica". Pertanto la Corte Suprema brasiliana annullando la sentenza, ha avuto via libera nel sostenere che "non si può supporre che una satira umoristica abbia la capacità di indebolire i valori della fede cristiana, la cui esistenza è attestata in più di duemila anni e in cui crede la maggioranza dei cittadini brasiliani".  

Continua a leggere

Atene è la nuova Berlino? Forse già lo è

In soli sei anni, gli arrivi turistici ad Atene sono più che raddoppiati. Nel periodo dal 2012 al 2018, l'Aeroporto Internazionale di Atene ha registrato un aumento dei visitatori annuali dall'estero da 2,5 milioni a 5,7 milioni, mentre i dati  fino a settembre del 2019 hanno mostrato un ulteriore aumento annuale del 12 percento. In questi sette anni Atene è passata dall’essere la capitale di uno stato in gravissime condizioni economiche, che rischiava seriamente il fallimento, a essere la città che molti definiscono “la nuova Berlino”.

Continua a leggere

She’s Not Like All the Other Girls

guido reni55 copyGuido Reni, "Susannah and the Elders", c. 1620. 

di Sam Vladimirsky

Guido Reni era sfortunato al gioco, ma non perché fortunato in amore. L’amore non faceva parte del repertorio della sua vita. Nessuno lo aveva mai visto con una donna. Era vergine. Molti lo paragonavano a un angelo. Amore per lui era solo un puttino biondo. Grazioso e perfetto come chi esiste solo nei sogni.

Continua a leggere

Sostiamo dove gli altri tirano dritto. Buon Anno 2020

 

E' giusto dimenticare i vecchi  tempi, gli amici di lunga data?

Pare di no!

 
"Auld Lang Syne" ("I bei tempi andati"),  è una poesia scozzese scritta da Robert Burns nel 1788. È diventata una  canzone  diffusissima nei paesi di lingua inglese, dove viene cantata soprattutto nella notte di capodanno per dare l'addio all'anno che se ne va.

Continua a leggere

Gauguin? «Un assoluto coglione». Sotto accusa i suoi dipinti di donne nude

di Alexander Adams  

La critica feroce è dei gatekeeper puritani e ha funzionato da censura per i curatori della mostra "Gauguin Portraits" in corso alla National Gallery di Londra, i quali non hanno incluso nessuno dei suoi famosi nudi polinesiani, anche se potrebbero essere descritti come ritratti. Paul Gauguin è sotto attacco da parte di sostenitori del post-colonialismo e del femminismo a causa dei suoi dipinti erotici di ragazze e di donne polinesiane. E’ costruttivo censurare per ragioni morali l’opera di artisti morti da tempo? 

Continua a leggere

Muti: «Il no a Mozart in Santa Croce? La sua è musica da Paradiso»

Il direttore d’orchestra: «Che errore il Requiem negato. Nella cattolica Austria lo diressi nel 1989. Ma in chiesa non si possono fare soltanto schitarrate con canti dai testi banali. Diressi proprio il Requiem di Mozart, nel 1989, per la morte di Karajan. La storia della musica deve molto alla Chiesa, tutti i più grandi musicisti nel corso dei secoli hanno lasciato componimenti sacri, io ho inciso sette Messe di Cherubini, di cui esiste già la tomba proprio a Santa Croce».

Continua a leggere

A Berlino si scatena il gran ballo degli Inquieti

Dal palco della Komische Oper di Berlino, il coreografo e ballerino Jefta van Dinther (nella foto) con la pièce Plateau Effect cerca di disorientare e sfidare lo spettatore con una stratificazione di coreografie, luci, suoni e scenografie dove la cruda  "coreografia della materia" si trasforma in uno spazio psichedelico di eccezione che mette alla prova la capacità di trasgredire di una umanità incapace, condannata a perdere.

Continua a leggere

© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy