E fu il Cinema della Rivoluzione Futurista

A ricordo dei  cento e dieci anni del “Manifesto” futurista (apparso sul francese “Le Figaro” il 22 febbraio 1909) firmato da F. T. Marinetti  il Centro Studi Berlin89 vi invita a un tuffo nella follia cinematofrafica creativa del movimento marinettiano.

marinetti “Quel pubblico che ci ricopre di fischi e di verdure noi lo ricopriremo di deliziose opere d'arte!” Così affermava lo scrittore Aldo Palazzeschi, nel periodo della partecipazione al movimento futurista, di cui quest'anno si celebrano i cento anni del “Manifesto” (apparso sul francese “Le Figaro” il 22 febbraio 1909) firmato da F. T. Marinetti, che allineò l' Italia al ridisegnamento totale delle arti, che stava avvenendo in Europa, in uno straordinario climax di avanguardia entusiasmante, messo in parte a freno, soprattutto nel nostro paese, dallo scoppio della prima guerra mondiale.

L'ironia della frase di Palazzeschi indica, da una parte lo scontro frontale con chi considerava i futuristi ridicoli e insopportabili provocatori, dall'altra, l'elemento dell'ironia, del grottesco, costantemente presenti nei vari “Manifesti” (“bisogna fare della lussuria un'opera d'arte” affermava, per esempio, l'affascinante Valentine de Saint Pont nel “Manifesto della donna futurista” con grande scandalo dei ben pensanti della belle epoque).

futurismo cinema

Pareva quasi scontato, dunque, che tale movimento con la sua magnificazione del dinamismo e della velocità in tutti i settori dell'espressione culturale, incontrasse il cinema, bambino, ma già spudoratamente, nel suo connubio indissolubile di industria e arte, disponibile a mutamenti “linguistici”.
 
Nel 1916 arriva, così, “Il Manifesto della cinematografia futurista” che recita: “Il cinematografo è un'arte a sé... non deve copiare il palcoscenico... essendo essenzialmente visivo, deve compiere innanzi tutto l'evoluzione della pittura: distaccarsi dalla realtà, dalla fotografia, dal grazioso, dal solenne. Diventare antigrazioso, deformatore, impressionista, dinamico, parolibero”. I redattori del testo evidenziavano spunti, idee espressive, trasgressioni che solo la costruzione del film con tecniche avanzate metterà, tanto tempo dopo, in atto.

 locandina film loggia piazzale michelangelo 197x300Così, il matrimonio tra futurismo e cinema risultò complesso e arduo con produzioni purtroppo andate perdute e altre, solo in parte tese a tradurre in pratica la genialità teorica futurista. Strordinaria fu, un esempio tra i tanti, influenza che nel cinema ebbero le avanguardie dei primi del Novecento (Dadaismo, Surrealismo..).

Senza dimenticare i film di Ejzenstein, che ci ricordano come il futurismo in Russia sposò gli entusiasmi innovativi della Rivoluzione d'Ottobre nel suo periodo più creativo dal punto di vista artistico, innestandolo anche nel cinema, soprattutto attraverso un uso originale del montaggio.

Scriveva, già, nel 1913 Majakovskij “La grande trasformazione, da noi iniziata in tutti i rami della bellezza in nome dell'arte dell'avvenire, arte dei futuristi, non si fermerà, né può fermarsi dinanzi alla porta del teatro” e questa spinta al mutamento estetico esplose con la sua forza vitale (“la città di Vitebsk, ad esempio fu un giorno mutata in una sorta di favolosa contrada della pittura moderna: i tram, le vetrine, le case, si coprirono di luccicanti colori” racconta Angelo Maria Ripellino nel suo splendido testo su Majakovskij) sino a quando verrà fermata dal grigio dello stalinismo. Ma intanto Ejzenstein aveva firmato i suoi film migliori come “Sciopero” e l'emblematico “Il vecchio e il nuovo”. Da allora, il cinema, linguisticamente parlando, non sarà più lo stesso.

Laura Menti

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/218
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy