Il paziente ideale per l'industria farmaceutica è il malato cronico

Il vaccino contro il Coronavirus? Dipende, poiché contrariamente a quello che si potrebbe pensare, all’industria farmaceutica internazionale non interessa la salute. La sua vocazione è aumentare i propri smisurati guadagni, e a tal fine il “consumatore” ideale dei suoi prodotti è sempre malato, poiché se guarisce smette di acquistare, come pure se muore. Le strategie di Pfizer (vaccino) tra le 10 principali transnazionali che controllano oltre la metà del mercato globale.

medical

Qualcuno troverà esagerata l’affermazione secondo cui ai colossi dell’industria farmaceutica, quelli che in dieci controllano oltre la metà del mercato mondiale, non interessa migliorare la salute delle persone. Il problema è che se la gente guarisce o muore non compra più medicine. Il consumatore ideale di Big Farma è un malato cronico.

Pfizer, Novartis, Roche, Johnson & Johnson e le altre spiegano spesso di dover imporre prezzi così alti ai loro prodotti perché devono ammortizzare grandi investimenti nell’innovazione e nello sviluppo. 
Eppure, secondo Marcia Angell, direttrice per 17 anni della rivista scientifica New England Journal of Medicine, il 67 % dei “nuovi” farmaci immessi sul mercato non sono innovazioni bensì copie dei prodotti precedenti cui viene solo cambiato il nome commerciale.

Anche per questo quella dei farmaci è una delle categorie industriali che hanno le più alte percentuali di rendimento, un rendimento che cresce a dismisura grazie al business dei brevetti e al controllo monopolistico dei medicinali e dei vaccini in occasione di epidemie o crisi sanitarie.

Oggi, infine, l’industria ha sviluppato la strategia supplementare di fabbricare da sola i propri generici. Pfizer e Teva, entrambe nel gruppo delle prime 10 transnazionali, sono ad esempio le più grandi produttrici globali di generici che garantiscono il monopolio su consistenti fette di mercato, lo stesso effetto di un brevetto, in altre parole. In attesa della prossima pandemia, vera o percepita come tale.  

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, all’industria farmaceutica internazionale non interessa la salute.
La sua vocazione è aumentare i propri smisurati guadagni, e a tal fine il “consumatore” ideale dei suoi prodotti è sempre malato, poiché se guarisce smette di acquistare, come pure se muore.

È un’industria strettamente oligopolistica, aggressiva al fine di controllare larghe fette di mercato a livello mondiale, ottenere brevetti esclusivi ed elevate percentuali di utili, esercitare pressioni per ottenere politiche globali e nazionali a proprio favore.

Sebbene molte altre industrie transnazionali lavorino con lo stesso scopo, qui si tratta di controllare la distribuzione e l’accesso a farmaci, che in molti casi decidono la vita o la morte delle persone ammalate.  

Si tratta di un’industria ad alta concentrazione di mercato che per difendere i propri interessi funziona spesso come cartello.

Per quel che riguarda la vendita di farmaci, le 10 principali transnazionali controllano oltre la metà del mercato globale. Oggi sono: 

Pfizer, Novartis, Roche, Johnson y Johnson, Merck & Co, Sanofi, GlaxoSmithKline, Abbvie, Gilead Sciences e Teva Pharmaceuticals, seguite da Amgen, AstraZeneca, Eli Lilly, Bristol Myers Squibb, Bayer, Novo Nordisk, Allegan, Takeda, Shire e Boheringer Ingelheim.

Tutte hanno alle spalle una storia lunghissima, alcune di oltre un secolo, sebbene a seguito di acquisti o fusioni, alcune abbiano cambiato di nome. Alcune di esse hanno un rapporto storico con quelle che oggi dominano i pesticidi, le sementi e i transgenici: Bayer è padrona di Monsanto, Novartis e AstraZeneca si sono fuse per dar vita a Syngenta, etc. Le unisce la logica di far ammalare e vendere il rimedio.  

Secondo gli analisti dell’industria, nel 2018 le 10 imprese farmaceutiche più grandi hanno totalizzato vendite per 523 miliardi di dollari, un mercato che si stima giungerà ai 1.000 miliardi di dollari nel 2020. Si tratta di un aumento notevole in vendite e concentrazioni di mercato dal 2017, anno in cui le 20 più grandi realizzarono vendite per 503 miliardi di dollari e le prime 100 per 747 miliardi (Scrip Pharma, Outlook 2019).  

Un rapporto del 2018 dell’agenzia governativa statunitense GAO mostra che le 25 maggiori industrie farmaceutiche hanno realizzato un utile annuale dal 2006 al 2015 compreso fra il 15 e il 20% (del fatturato ndt), collocandosi fra le categorie industriali che avevano le più alte percentuali di rendimento (Government Accountability Office, GAO-18-40). Tuttavia, quasi tutte in alcuni momenti sono arrivate a percentuali di utili molto maggiori, grazie al controllo monopolistico dei medicinali e dei vaccini in occasione di epidemie o crisi sanitarie.  

L’industria farmaceutica transnazionale ha avuto inoltre un ruolo chiave nell’imporre le leggi sulla proprietà intellettuale e ampliare sempre più la validità dei propri brevetti a livello globale.

Sono le aziende farmaceutiche che stanno dietro all’inclusione dei brevetti nell’Organizzazione Mondiale del Commercio, nel TLCAN (Trattato dell’America del Nord fra Stati Uniti, Canada e Messico, ndt) e in altri trattati commerciali. Insieme all’industria biotecnologica, a quella delle sementi e a quella informatica, combattono in tutti questi ambiti per aumentare gli anni di validità dei brevetti e dei marchi dei loro prodotti e per impedire che si possa avervi accesso senza pagare.  

Argomentano che hanno necessità di avere brevetti sui farmaci per poter recuperare le spese di innovazione e di sviluppo.

Però molti rapporti sulle loro “innovazioni” mostrano che la grande maggioranza dei nuovi farmaci immessi sul mercato da queste imprese sono semplicemente copie di quelli già esistenti, con qualche piccola variante nella formulazione o nell’impiego, al fine di ottenere altri 20 anni di brevetto esclusivo.  

Marcia Angell, direttrice per 17 anni della rivista scientifica New England Journal of Medicine; nel suo libro La verità sull’industria farmaceutica ha mostrato che il 67 % dei “nuovi” farmaci che vengono immessi sul mercato non sono innovazioni bensì copie.

L’Ufficio di Valutazione Tecnologica degli Stati Uniti (OTA, secondo la sigla in inglese), che ormai è stato chiuso, nel 1996 pubblicò un’informativa su 348 nuovi prodotti delle 25 più grandi compagnie farmaceutiche nel corso di 7 anni e verificò che il 97% erano copie. Del restante 3%, che era sì innovativo, il 70% era frutto delle ricerca pubblica. Sebbene questi documenti siano vecchi di anni, la realtà dell’industria continua sulla stessa linea.  

Vi sono anche vari esempi di come il cartello farmaceutico transnazionale ha boicottato i paesi produttori di farmaci generici (vale a dire il cui brevetto è scaduto) soprattutto nel caso di medicine con forte richiesta in situazioni di epidemie.

Nel 2001, 39 grandi imprese farmaceutiche bloccarono la vendita in Sudafrica di tutti i loro medicinali, per fare pressione affinché non comprassero medicinali generici per l’aids.
Non essendo riusciti a raggiungere tale obiettivo, negoziarono in blocco un prezzo che sebbene fosse 10 volte più basso del prezzo commerciale iniziale delle imprese farmaceutiche, era molto superiore a quello che poteva essere ottenuto con fabbricazione propria.  

Oggi l’industria ha sviluppato la strategia supplementare di produrre i propri generici. Attualmente, Pfizer e Teva, entrambe nel gruppo delle prime 10 transnazionali, sono anche le più grandi produttrici globali di alcuni generici, e per alcuni medicamenti sono riuscite ad avere il monopolio sul mercato, ottenendo così lo stesso effetto di averne il brevetto.  

È tutta un’industria contro la salute.

silvia ribeiroSilvia Ribeiro, giornalista e direttrice per l’América Latina dell’Etc Group, una equipe di ricercatori indipendenti che monitora da 25 anni l’impatto delle tecnologie emergenti e delle strategie delle corporation sulla biodiversità, l’agricoltura e i diritti umani.

Pin It

Le Letture prima di smartphone e internet

 Tutti serrati in casa e guai per chi esce. Pasqua 2021 passerà alla Storia. Ubricarsi di Tv? Meglio leggere.
Pin It

Continua a leggere

Cosa significa LGBTQI e perché la sigla si allunga

La sigla LGBT è ormai entrata nel dibattito mediatico (meno nel lessico delle persone comuni) e oggi viene spesso usata con una certa approssimazione, quando non in modo sbagliato, da chi talvolta non ne conosce esattamente il significato. È una storia piuttosto recente fatta di grandi discussioni e di graduali modifiche, e che non è ancora finita: e racconta un pezzo di cosa è stato il movimento internazionale per i diritti civili degli ultimi trent’anni. 

Pin It

Continua a leggere

Come trasformare il disgusto astensionista in gusto elettorale

Nel suo ultimo saggio Éric Fassin sostiene che  per dare nuova linfa alla sinistra non si deve puntare sul populismo ma attingere alle fila dell’astensionismo. Il sociologo francese  critica senza mezzi termini la “sinistra socialdemocratica”, che tra gli anni Novanta e i primi anni Duemila è stata al governo di molti Paesi europei. L'accusa è di aver demotivato i propri sostenitori, iscritti, simpatizzanti ed elettori, privandoli del loro senso di appartenenza identitaria fondato sul sentimento e sulle passioni collettive. Ricca di contenuti anche l'attenta lettura del fenomeno Trump e della trasformata cultura politica statunitense che ne ha permesso l’elezione.

di Marco Damiani

Pin It

Continua a leggere

Si allenta l'incubo coranavirus, riprende l'accanimento contro i migranti

Coltivare la paura rende. Lo sanno bene i politici oltranzisti come l'ungherese Viktor Orban o l'italiano Matteo Salvini, che più le sparano grosse sugli immigrati più speditamente scalano i sondaggi. Un altro politico europeo, il primo ministro della Repubblica ceca Andrej Babis, indica la soluzione a suo parere perfetta: è il modello australiano, che ha optato per la formula più spiccia: blocca le imbarcazioni dei fuggiaschi e le dirotta in luoghi sperduti nei quali, "le condizioni di vita, secondo le ripetute denunce di Amnesty International, sono a dir poco disumane", come scrive Alfredo Venturi nell'articolo che pubblichiamo.

Pin It

Continua a leggere

Una «Bella» presa per i culo dell'Italia dai soliti tedeschi

Più che ironico è caustico quest'articolo «Bella Italia, wir kommen» (Bella Italia, stiamo arrivando) pubblicato sull'ultimo numero di Der Spiegel, il settimanale che di tanto in tanto si distingue con copertine e articoli orchestrati ad arte che pronosticano il fallimento del Paese-Italia, e sempre o quasi sempre sulla base di un miscuglio di ignoranza dei fatti, paragoni fuorvianti e mistificazioni; stesi con il solo scopo di rassicurare i tedeschi che essi sono dalla parte giusta e che gli italiani che si oppongono alla politica tedesca in Europa sono privi di ogni credibilità economica e politica.

Pin It

Continua a leggere

Le radici cattoliche dell'omofobia polacca

«Luogo libero dall’ideologia Lgbt». Questo appellativo non è tratta da un racconto distopico-fantascientifico ma è stato votato da decine di comuni e consigli regionali polacchi. Centri rurali di tutto il Paese hanno adottato infatti la risoluzione di abolire la «propaganda Lgbt da scuole case e luoghi di lavoro».

di Laura Menti

Pin It

Continua a leggere

Non piace al presidente Trump il pensiero magico di Fu-Manchu

Fu Manchu ha una bocca crudele, una fronte ampia, delle sopracciglia arcuate, lo sguardo insidioso, vestiti pacchiani. È un uomo colto, ha più lauree, tutte prese in Occidente, ma è dotato di un pensiero magico che mescola sapienza scientifica e superstizione.

di Paolo Molina

Pin It

Continua a leggere

L'incentivo, «bastone e carota» a migliaia di disoccupati tedeschi

In Germania per fronteggiare il disastro economico prodotto dal Coronavirus sono stati stanziati miliardi di euro in sovvenzioni a fondo perduto che vanno  a Thissen, Lufthansa, Adidas, Media-Markt e alle altre più importanti aziende del Paese. Sostegni consistenti anche per le imprese fino ad un minimo di 10 dipendenti. Invece per i lavoratori autonomi senza dipendenti, per le decine di migliaia di artisti, di artigiani nessuna copertura del finanziamento federale. soltanto la "sicurezza di base", la HartzIV,  l'assegno di disoccupazione. Il massimo del cinismo, sentenzia Cives.de

Pin It

Continua a leggere

Coronavirus, nasce l'Internazionale dei medici

 SOSTIAMO DOVE GLI ALTRI TIRANO DRITTO

Il Covid-19 ha ribaltato gli orizzonti. Mai prima d'ora così tanti esperti in così tanti paesi si sono concentrati contemporaneamente su un singolo argomento e con tale urgenza. Più di duecento studi clinici sono stati avviati, riunendo ospedali e laboratori in tutto il mondo. Sicchè  mentre i leader politici hanno bloccato i confini, gli scienziati hanno infranto i loro, creando una collaborazione globale come nessun altro nella Storia. 

di Salvatore Trapani

Pin It

Continua a leggere

© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31