A Berlino è lotta «anti capitalista» per le case al popolo

Affitti alle stelle, i cittadini lanciano un referendum per l’emergenza casa: via agli espropri per i gruppi in possesso di più di 3 mila appartamenti

berlino case popolariTutto è cominciato, nomen omen, sulla Karl-Marx-Allee. Sotto gli occhi severi e in fondo soddisfatti del profeta e di Friedrich Engels, le cui statue vigilano non lontano dalla spettacolare schiera di edifici neo-classici che furono la vetrina del regime comunista. Quando lo scorso autunno una lettera ha annunciato agli affittuari di 700 appartamenti che i loro alloggi erano stati venduti a Deutsche Wohnen, il più grande gruppo immobiliare tedesco, le polveri sono esplose. E l’opposizione degli inquilini, organizzati in una minoranza di blocco per tentare di esercitare i loro diritti di prelazione, non si è fermata davanti alla disponibilità del sindaco socialdemocratico, Michael Müller, di esser pronto a dare una mano nell’acquisto di almeno una parte delle case.

Uno spettro si aggira per la capitale tedesca, lo spettro dell’esproprio di massa. Trent’anni dopo la caduta del Muro e la fine della Ddr, Berlino si prepara a una nuova rivoluzione socialista. Comincia il 6 aprile la raccolta delle firme per indire un referendum che punta a espropriare tutti i gruppi in possesso di più di 3 mila appartamenti. Non è un gesto solo simbolico: secondo un sondaggio dell’Istituto Civey, infatti, il 55 per cento dei berlinesi trova «giusta» l’iniziativa, che potrebbe portare (o riportare, come vedremo) in mano pubblica oltre 200 mila alloggi, da affittare poi a prezzi calmierati.

Nel mirino sono le cinque maggiori società immobiliari, in testa Deutsche Wohnen, società quotata in Borsa, che da sola possiede 110 mila appartamenti e dà il nome all’iniziativa: «DW & Co enteignen», espropriare Deutsche Wohnen e i suoi accoliti. Le altre sono Vonovia (40 mila alloggi), Ado Properties (24 mila), Akelius (11 mila) e Grand City Property (4 mila). È una risposta estrema all’emergenza casa, che negli ultimi anni ha visto a Berlino aumenti vertiginosi degli affitti, decine di migliaia di sfratti e un’offerta sempre più piccola di appartamenti a equo canone, conseguenza di un boom edilizio quasi del tutto orientato agli edifici di lusso. Ed è un’idea così incendiaria, da aver scatenato un dibattito nell’intera Germania su questioni cruciali e sistemiche: un alloggio adeguato appartiene ai bisogni essenziali delle persone o è una merce come le altre? Quali limiti devono esserci al ruolo degli investitori privati nella politica della casa?

«A Berlino — spiega Michael Prütz, l’assicuratore che è uno dei leader della campagna — noi piccoli affittuari siamo sotto assedio da parte di compagnie che cercano il massimo profitto con il minimo sforzo. È come il Far West, pensano solo ad arricchirsi e chi non può permettersi gli aumenti finisce per strada». E ai capi di DW, che li accusano di voler «dire addio all’economia di mercato», Prütz e i suoi rispondono invocando la Costituzione federale. L’articolo 15 per la precisione, secondo cui «i terreni, le risorse naturali e i mezzi di produzione possono essere trasferiti alla proprietà pubblica e socializzati per il bene comune». Una legge «dovrà regolare modi e livelli dei risarcimenti». Nei 70 anni di vita della Grundgesetz, tuttavia, non è mai stato applicato.

Il vero ostacolo al successo dell’iniziativa sarebbe il costo degli espropri. Secondo i calcoli di Prütz, occorrerebbero 9 miliardi di euro. Ma sembrano piuttosto ottimistici. Una valutazione più realistica del Senato, calcolata su una grandezza media di 50 metri quadri per appartamento e un costo d’indennizzo di 3 mila euro a metro quadro, stima il costo dell’operazione intorno a 36 miliardi di euro, una somma impensabile per le derelitte finanze del Land.

Ironia di tutta la vicenda: se si realizzasse, l’esproprio sarebbe un riacquisto. La maggior parte degli alloggi in questione appartenevano infatti al Comune fino a una quindicina di anni fa. Fu il sindaco socialdemocratico Klaus Wowereit a cartolarizzarli, per evitare la bancarotta del Comune. Così, nel 2004, solo DW acquistò dal Land per 405 milioni di euro 50 mila appartamenti, che oggi sul suo bilancio valgono 6,8 miliardi di euro. Commenta Prütz: «Agli azionisti toccarono grossi dividendi, a noi affitti più alti».

La rabbia dei berlinesi è in crescita. Non passa giorno senza che i media raccontino storie del «Mieten-Horror», l’orrore degli affitti. L’emergenza è tale che qualcuno ha proposto di costruire tendopoli-modello nel verde, per ospitarvi le famiglie sfrattate, sul modello di Seattle. La classe politica è divisa. Linke e una parte dei Verdi appoggiano l’iniziativa, in nome «dell’autodifesa legittima contro la speculazione e la cacciata di casa». Anche nella Spd alcuni la guardano con simpatia. Ma il borgomastro Müller è scettico, preoccupato per la probabile fuga degli investitori che anche la sola ipotesi dell’esproprio provocherebbe: «Non è la mia politica». E cerca una difficile mediazione tra i promotori e Deutsche Wohnen, offrendo soluzioni che possano disinnescare la miccia. Ma una volta partita la raccolta delle firme, sarà difficile fermare l’operazione. Sulla Karl-Liebknecht Strasse, uno seduto l’altro in piedi, Marx ed Engels osservano compiaciuti.

Fonte: Corriere della Sera

valentino paoloPaolo Valentino, giornalista del Corriere della Sera, corrispondente da Bruxelles, Mosca, Washington, e ora da Berlino.

 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy