Anche la masturbazione ha i suoi ritmi

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

cover innovation

Nel XIX secolo veniva indicata come l'origine dei mali più tremendi, oggi la maggioranza dei medici sostiene che in moltissimi casi fa bene e ne spiegano il perché. Come viene vissuta negli Stati Uniti e in Europa? E' una sorta di patto atlantico, benché in molti dei paesi europei (Italia inclusa) per la donna sia ancora un tabù da nascondere a tutti i costi.

Carolyn Figel7Carolyn Figel

Negli anni Cinquanta, alla gente veniva detto che la masturbazione poteva causare cecità, affaticamento e malattie, indebolendo la forza di un uomo e rendendolo floscio . John Kellogg e Sylvester Graham hanno persino sviluppato i loro omonimi fiocchi di mais e cracker nel 19 ° secolo come parte di una dieta blanda per ridurre le pulsioni sessuali degli uomini e scoraggiarli dalla masturbazione.

Oggi riconosciamo queste affermazioni come una campagna assurda derivante da giudizi morali piuttosto che legittimi rischi per la salute. Eppure, i movimenti che si oppongono alla masturbazione persistono, in particolare con la comunità "NoFap". (Fap è un termine gergale britannico per la masturbazione maschile.) Tutto nasce dal timore che il facile accesso al porno by Internet porti prima o poi alla dipendenza.

Tuttavia molti esperti sostengono che le ansie a riguardo della masturbazione e del porno su Internet sono esagerate. Al contrario essi credono che i problemi legati alla masturbazione siano in gran parte dovuti a alla depressione, all' ansia e via dicendo. In effetti, gli studi hanno dimostrato che la masturbazione arreca una serie di benefici, tra cui l'aumento della soddisfazione sessuale, l'impulso sessuale e la fiducia in sé stessi. Non esiste una scala specifica sulla periodicità della masturbazione per poter tenere sotto controllo gli eccessi. Quel che conta è valutarne gli effetti psicologici su chi la pratica.

Secondo uno dei più grandi sondaggi sul comportamento sessuale negli Stati Uniti, quasi tutti si masturbano: tra il 12% e il 69% degli americani, a seconda dell'età e del sesso. (Gli uomini di età compresa tra 25 e 29 anni avevano i tassi più alti, mentre le donne di 70 anni avevano il tasso più basso.)

Le persone si masturbano per piacere, per rilassarsi, per addormentarsi e per alleviare lo stress e l'ansia. Gli orgasmi hanno lo stesso aspetto nel cervello di uomini e donne e indipendentemente dal fatto che siano attivati da te o da un partner . Buona musica, cibi gustosi e droghe ricreative accendono anche questa regione.

 Man mano che l'eccitazione aumenta fino a sbocciare nell'orgasmo, vengono rilasciati molti importanti neurochimici, tra cui le endorfine - note anche come oppioidi endogeni - che aiutano a fa capire perché il sesso, da solo o in coppia, ha poteri rigeneranti. Le endorfine sono anche il motivo per cui la masturbazione può aiutare le persone con sollievo dal dolore, poiché attivano la stessa rete cerebrale degli oppioidi. Ti sei mai chiesto della tendenza delle persone a svenire in seguito? L'ormone vasopressina, che è un sonnolento, o un aiuto per il sonno, picchi durante l'orgasmo. Così fa l'ossitocina, che è convenzionalmente conosciuta come l'ormone legante. Riduce anche i livelli di cortisolo, con conseguente riduzione dello stress che molte persone cercano da una sessione solista.

Il più importante neurochimico per l'eccitazione e l'orgasmo è la dopamina, che provoca sentimenti di ricompensa, desiderio e motivazione. Una scarica di dopamina nello striato ventrale durante l'eccitazione e l'orgasmo è uno dei motivi per cui la masturbazione e il sesso sono stati etichettati come dipendenza. Tuttavia, solo perché qualcosa provoca un'impennata della dopamina non significa che stia nascendo un'abitudine.

Questo non vuol dire che la masturbazione o il porno non possano essere problematici per le persone, ma gli esperti lo chiamerebbero un comportamento sessuale compulsivo anziché una dipendenza. In alcuni di questi casi, la compulsione è simile al disturbo ossessivo-compulsivo, afferma Justin Lehmiller, ricercatore presso il Kinsey Institute dell'Università dell'Indiana. In altri casi, dice, "di solito c'è qualche altro problema di fondo che sta creando il problema, e quindi la masturbazione e il porno sono un sintomo piuttosto che una causa del problema."

 Mateusz Gola, ricercatore presso l'UC San Diego, afferma che possono sorgere problemi quando si usa la masturbazione non solo per allentare la tensione sessuale, ma per aiutare qualcuno a gestire lo stress, l'ansia o la solitudine. “ Può essere una strategia di coping strategia di adattamento, per evitare le attuali difficoltà nella vita. E se questo è lo scopo principale della masturbazione, allora può diventare un comportamento problematico ", chiarisce Mateusz Gola.

 Secondo Gola, il 10 per cento degli uomini e il 2 per cento delle donne rivela di avere uno stimolo in più con la masturbazione al porno, in alcuni casi se la fa dalle 20 alle 30 volte a settimana. Tuttavia, non è la frequenza che definisce il comportamento come compulsivo. “Non è un comportamento che vogliono davvero fare. È un comportamento che nasce dal bisogno interno di agire ”, spiega. “Per loro, di solito non è un comportamento piacevole. Spesso hanno la sensazione di perdere il controllo sui loro comportamenti sessuali. "

"Non esiste una frequenza specifica di masturbazione che potresti guardare e obiettivamente dire che è troppo o non èabbastanza", aggiunge Lehmiller. "Non si tratta tanto di frequenza, ma di come ti sta influenzando personalmente. Se ti masturbi così tanto che interferisce con la tua vita e ti causa grande angoscia, è qualcosa di cui vale la pena parlarne. ”

In realtà, non ci sono rischi fisici di masturbarsi, tranne in casi molto rari di sfregamento, ma questo è più un problema di tecnica che di frequenza. E le campagne di terrorismo del XIX secolo sugli uomini che perdono la loro forza o attenzione a causa della masturbazione non hanno alcun supporto scientifico. " Si argomentava che perdere un'oncia di sperma equivaleva a perdere una pinta di sangue. Pensavano che fondamentalmente gli uomini stessero perdendo la loro forza vitale se si stavano masturbando ”, afferma Lehmiller. "Ma l'obiettivo era davvero solo quello di scoraggiare la masturbazione dicendo che tutte queste cose brutte accadranno se lo fai."

Allo stesso modo, non ci sono rischi per la salute se ci si masturba troppo poco. Molte persone non si masturbano affatto e questo può essere perfettamente salutare per loro.

Vi sono, tuttavia, alcuni benefici fisici e psicologici della masturbazione. Oltre ad alleviare il dolore, lo stress e l'insonnia, la ricerca suggerisce che più spesso gli uomini eiaculano, minore è il rischio di cancro alla prostata . Le donne che si masturbano più spesso tendono ad avere una maggiore autostima e un maggiore desiderio sessuale , in parte aumentando il flusso di sangue alla vagina.

La masturbazione migliora sicuramente la circolazione di quei tessuti delicati e dei piccoli vasi sanguigni lì dentro", afferma l'educatrice sessuale Melanie Davis. “Una buona circolazione aiuta con la funzione del tessuto erettile e quel tipo di tessuto è presente in tutti i tipi di corpi. Migliore è la nostra circolazione laggiù, migliore siamo in grado di provare piacere e migliori saranno i nostri orgasmi. "

Anche nelle relazioni, molte persone si masturbano ancora. In effetti, la masturbazione può essere un'ottima soluzione per le diverse pulsioni sessuali all'interno di una relazione. E mentre si potrebbe provare un orgasmo più facile e veloce dalla masturbazione, Davis dice che non c'è preoccupazione se non sarai in grado di essere eccitato dal tuo partner, perché ci sono molti aspetti del sesso, come suono, olfatto, gusto e tocco intimo, che non fanno parte della masturbazione o dal porno.

Questo non vuol dire che la masturbazione non possa causare problemi di relazione o diventare un sostituto del sesso di coppia. Tuttavia, in questi casi, c'è spesso una ragione di fondo per cui il sesso è calato e le persone si rivolgono invece alla masturbazione. "Penso che abbiamo questa tendenza a voler incolpare la masturbazione e vogliamo incolpare il porno per i nostri problemi di relazione", afferma Lehmiller. "Ma in un gran numero di questi casi, se davvero guardassi, troverai altri problemi di fondo come problemi di comunicazione e così via che sono la causa principale, non certamente la masturbazione."

Il problema più grande con la masturbazione oggi è lo stesso del 1800: la vergogna. Invece di tranciare giudizi, sarebbe molto più salutare parlarne, confrontarsi pacificamente con un atto che – è scientificamente dimostrato – allevia l'ansia, migliora la salute e fa di molto apprezzare il sesso.  L'adozione di un atteggiamento non giudicante e l'incoraggiamento della comunicazione aperta faranno molto per alleviare l'ansia e migliorare la salute e la soddisfazione sessuale. Dopotutto alla fine della giornata, la masturbazione è il modo migliore per fare sesso senza problemi.

Dana G Smith        Traduzione: Ilaria Celi

 Post scriptum. In Europa secondo l'ultima indagine pubblicata sul “Journal of Sex Research”, maschi e femmine si masturbano più o meno con la stessa frequenza. In particolare, sono state analizzate le abitudini sessuali di 1.452 uomini e 1.566 donne di età compresa tra 18 e 22 ed i risultati sono stati chiari. In media le donne cominciano a masturbarsi poco dopo i 12 anni, mentre i maschietti iniziano ad esplorare il loro corpo quasi a 14 anni. Quando però è stato chiesto con quanta frequenza ci si dedicasse all’autoerotismo in età adulta, solo l’85,5% del sesso femminile ha avuto il coraggio di ammetterlo di farlo regolarmente, contro il 98,9% degli uomini. In effetti, sembra proprio che tra uomini e donne non ci siano differenze sostanziali quando si parla di masturbazione, l’unica differenza sta nel fatto che per il sesso femminile è ancora un tabù e, di conseguenza, viene considerata una cosa da nascondere a tutti i costi.

 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Log in



cover Massima Depero copy