La moviola calcio al color nero

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

 Phil Neville, più di 500 presenze in Premier League, oggi ct della nazionale britannica femminile, ha invitato calciatori e club a boicottare i social. «Twitter non farà nulla sul razzismo, Instagram non farà nulla su questo - ti mandano una mail per dirti che investigheranno ma non succede niente» è sbottato Neville.

La sua ricetta è: «Boicottate i social media subito e vediamo se avrà un impatto abbastanza grande». Sta già avendo.

Paul Pogba sbaglia un rigore con la maglia del Manchester United, e su Twitter si scatena la tempesta di insulti razzisti irriferibili. Ma era già successo lo stesso, pochi giorni prima, ad altri due giocatori di colore, Tammy Abraham del Chelsea e a Yakou Méïté del Reading.

Leggiamo sul Guardian una notizia interessante "Manchester United e Kick It Out stanno per incontrare Twitter dopo incidenti di razzismo"


 

"Nelle prossime settimane, i rappresentanti di Twitter incontreranno il Manchester United, Kick It Out e qualsiasi altra parte della società civile interessata a conoscere il lavoro proattivo che Twitter sta facendo per affrontare gli abusi razzisti online nei confronti di determinati calciatori nel Regno Unito", ha detto Twitter.

"Abbiamo sempre mantenuto un dialogo aperto e salutare con i nostri partner in questo spazio, ma sappiamo che dobbiamo fare di più per proteggere i nostri utenti. Il comportamento razzista non ha posto sulla nostra piattaforma e lo condanniamo fermamente. "

Si prevede che Kick It Out delineerà durante l'incontro con un dirigente di Twitter nel Regno Unito la sua argomentazione secondo cui, a causa dell'enorme numero di utenti della piattaforma, spetta alla società prendere l'iniziativa per cercare di sradicare gli abusi.

Uno studio commissionato da Kick It Out ha rilevato che tra agosto 2014 e marzo 2015 c'erano 135.000 posti discriminatori assegnati a giocatori e altro personale associato ai 20 club della Premier League. Sebbene ciò sia considerevole, l'organismo antidiscriminazione può segnalare a Twitter che si tratta di una piccola parte dell'abuso sulla piattaforma.

Lo United afferma che il calcio dovrebbe agire a livello centrale e si presume che il club voglia che Kick It Out, la Premier League e la Football Association agiscano di concerto, insieme al governo, per effettuare il cambiamento.

La FA sta cercando un incontro con Twitter e la Premier League è impegnata in un dialogo con la piattaforma e altri organi pertinenti, compreso il governo.

Il mese scorso la Premier League, la FA e la Football League inglese hanno scritto una lettera aperta al ministro dello sport chiedendo una revisione degli ordini di divieto e la creazione di un gruppo di lavoro "per stabilire dove le società di social media possono sostenere il nostro desiderio di prevenire comportamenti discriminatori online ”.

Twitter ha dichiarato: "Non vediamo l'ora di lavorare più da vicino con i nostri partner per sviluppare soluzioni condivise a questo problema. Nel frattempo, da parte di Twitter, continueremo a monitorare in modo proattivo la conversazione e ad adottare misure di applicazione aggressive quando i contenuti violano le nostre regole ".


Qui sotto l'articolo originale sul Guardian, gli approfondimenti qui.

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Log in



cover Massima Depero copy