Comincia a Milano l'èra del monopattino all'italiana

di Luca Manduca

Alleluja! Ma è davvero alleluja? Perché monopattini elettrici, segway, monowheel e hoverboard potrebbero presto diventare a tutti gli effetti i nuovi protagonisti anche in Italia della mobilità cittadina. Una gioia o una nuova iattura?

micromobility6Fortunatamente i mezzi dovranno rispettare la normativa comunitaria, essere dotati di apparecchiature sonore, luci e limitatori di velocità. Intanto, la via italiana alla micro mobilità ha preso forma a Milano, lo si vede in strada dove sfilano monopattini, segway, hoverboard, skateboard e monoruote in condivisione.

Quella della micro mobilità è una realtà quotidiana ben consolidata in molti paesi europei, mentre in altri è in fase di assestamento o, meglio, di sperimentazione; ed è ciò che sta accadendo in Italia e, più esattamente, a Milano.

Rassegnamoci, il settore è in fermento.

Lo testimonia l'IFA Berlin, la Fiera dell'elettronica di Berlino dove per oltre sei giorni, 1,500 espositori provenienti da 48 Paesi hanno messo in mostra tutto il meglio dei prodotti e dei servizi legati al mondo dell’elettronica.
Si tenga a mente che la storia della fiera dell'elettronica ha inizio il 4 dicembre del 1924 con la "Grosse Deutsche Funkaustellung". L'evento attirò 242 espositori e 180.000 visitatori su un'area di oltre 7.000 metri quadrati. Il successo della manifestazione la trasformò in un evento annuale dove inizialmente la Radio e poi la Televisione, dal 1928, ebbero un ruolo centrale.
 
Berlino rimase la sede di questa fiera fino all'inizio della Seconda guerra mondiale. Dopo la guerra, la manifestazione si tenne in varie città della Germania ovest, a Düsseldorf, a Francoforte e Stoccarda, tornando definitivamente a Berlino dal 1971.
Secondo i libri di storia, l'IFA del 95 fu la prima fiera multimediale. Negli anni successivi, le esposizioni dimostrarono che questa fiera era diventata la vetrina principale dell'industria elettronica ma anche di quella delle telecomunicazioni e dell’Informatica.
Soltanto conoscendone la storia meglio si capisce perché l'IFA fa tendenza. L'edizione 2019 ha mostrato le soluzioni più innovative (quasi futuristiche), nonché stimolanti, su questi nuovi mezzi di trasporto che rientrano nella micro mobilità.

A Milano, l’assessore ai Trasporti Marco Granelli ha parlato chiaro: “Questi mezzi non sono un giocattolo e l’utilizzo è subordinato a regole chiare e precise”. I veicoli dovranno essere provvisti di marcatura Ce, la garanzia di applicazione delle regole comunitarie in materia, che tra le altre cose prescrivono la presenza di segnalatori sonori e luminosi. Insomma, quanto esposto all'  IFA è più che un conforto per chi si appresta ad usarli.

Infatti, ogni mezzo della flotta dovrà  possedere limitatori di velocità, uno dei punti chiave della normativa emanata dal governo nel giugno scorso. Gli utenti non potranno superare la velocità di 6 chilometri orari nelle aree pedonali – come già sperimentato nel periodo di prova partito a luglio – mentre su su piste ciclabili, percorsi ciclabili e ciclopedonali e Zone 30, il limite di velocità sarà di 20 chilometri.

Granelli avverte, " La micro mobilità elettrica è un’opportunità importante, complementare e sinergica al trasporto pubblico locale e alle altre forme di mobilità sostenibile, siano esse in sharing o private”.

Così a Milano, come in altre realtà italiane è stato dato il via - il 27 luglio 2019 - alla sperimentazione come decretato dal Ministero dei Trasporti, che durererà da un minimo di un anno ad un massimo di due ed entrerà nella sua fase calda solo dopo la posa della cartellonistica necessaria a garantire la sicurezza stradale. È di poco più di un mese fa la notizia dell’incidente stradale tra un monopattino e un pedone, a Torino. È stato il primo incidente che ha coinvolto un mezzo di locomozione a due ruote. Quanto basta per e arroventare le polemiche che si erano iniziate da quando erano cominciate a fiorire le prime multe, ai manopattisti troppo distratti per non dire incauti.

micromobility1

Certamente, con la rivoluzione della micro mobilità una maggiore libertà di circolazione parrebbe assicurata, come va sostenendo l'assessore Granelli.
Naturalmente, ci sono i pro e i contro, come in ogni nuovo esperimento, e di sicuro non mancheranno gli incapaci dello slalom (magari abilissimi sulle piste da sci) che travolgeranno i pedoni, ma in positivo ci sarà un alleggerimento del traffico, sicuramente diminuiranno gli ingorghi.

Guardando all' indietro, l' inizio fu tormentato anche per la Vespa Piaggio. Poi con la Vespa ci fecero persino un film, quel “Vacanze romane” (Roman Holiday) del 1953 diretto da William Wyler, interpretato da Gregory Peck e Audrey Hepburn. E fu un successo internazionale, ricordate? Chissà se il monopattino riuscirà ad accaparrarsi altrettanta fama.

Luca Manduca
È nato a Catania nel 1974. Maestro d'arte e grafico pubblicitario, laureato in giurisprudenza, tutor di diritto e economia, conciliatore. Attualmente vive a Milano, collabora col Centro Studi Berlin89 e scrive per la testata giornalistica Berlin'89.
Autore del libro "Una sana ossessione - Tra gli eroi, i luoghi e gli incanti di Chiamami col tuo nome - (Cavinato Editore)
0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy