Bertolt Brecht e Giorgio Strehler

L'europa dal finire degli anni 40, anichilita dagli eventi e dalla guerra, riannodava alla storia il tessuto culturale.
Significativo l'apporto della drammaturgia a questa ricostruzione. Ne furono protagoniste Berlino, Parigi, Milano. Berlino e Milano più di altri onorano la memoria di due personaggi che hanno forgiato la drammaturgia in europa, Bertolt Brecht e Giorgio Strehler.
Bertolt Brecht Fondò, insieme alla moglie Helene Weigel, a Berlino Est, il Berliner Ensemble, che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee con sede Schumannstraße 13a, nel 1948
Giorgio Strehler Fondò, insieme a Nina Vinchi e Paolo Grassi, il Piccolo Teatro di Milano, con sede in via Rovello ed inaugurato il 14 maggio 1947 con lo spettacolo L'albergo dei poveri di Maksim Gor'kij.
 
Berliner EnsembleBerliner Ensemble Oggi il Berliner Ensemble ha sede in Bertolt-Brecht-Platz 1, nel centro storico di Berlino il quartiere Mitte. 
È in questa teatro allora conosciuto come come Neues Theater am Schiffbauerdamm che venne rappresentata per la prima volta nel 1928 L'opera da tre soldi e qui Bertolt Brecht trasferì il Berliner Ensemble nel 1954 dal Deutsches Theater. 
Questo evento venne celebrato con la rappresentazione de Il cerchio di gesso del Caucaso di Brecht.
Mentre il sipario, che verrà alzato su Madre Coraggio e i suoi figli (regia di Brecht e di Engel, scene di Teo Otto, protagonista principale la Weigel), porta dipinta la colomba della pace di Picasso. 
Con la fondazione del Berliner Ensemble, nel 1949, il valore del teatro di Brecht cominciò ad essere riconosciuto in tutto il mondo.
Lo scrittore di drammi ha modo di rappresentare non solo i suoi testi ma anche gli adattamenti di classici secondo i dettami di un teatro antillusionistico nel quale si crei un rapporto fra palcoscenico e platea fondato non sul potere magico dell'identificazione quanto sulla capacità degli attori, attraverso la recitazione epica e il cosiddetto `effetto di straniamento', di fare nascere nel pubblico un riflessione, un pensiero 

 

arlecchino 1947 48Piccolo Teatro di Milano     Oggi il Piccolo Teatro di Milano ha tre sale: la Sala Grassi (alla sede storica di via Rovello), 
il Teatro Studio Melato (spazio sperimentale che ospita anche la scuola di teatro), il Teatro Strehler (sede principale, inaugurata nel 1998).
Piccolo Teatro di Milano
Il Piccolo si propone di essere un teatro d'arte per tutti con un repertorio "misto": internazionale, ma allo stesso tempo legato alle proprie tradizioni. Giorgio Strehler propone l'attenzione all'uso dello spazio scenico, dei ritmi spettacolari e all'illuminazione.
Nei suoi spettacoli restituire dignità al passato eseguendo un'interpretazione rispettosa del testo e della volontà dell'autore. Attraverso un approfondito lavoro di ricerca storica, per raggiungere lo spirito originario dell'opera, ripulendola dei cascami della tradizione. Al centro dell'interesse sono sempre la storia, l'uomo e le sue azioni. 
 
Nella produzione del Piccolo Teatro ancora oggi, dal 1947, Arlecchino servitore di due padroni, uno spettacolo unico in Italia che porta il nome di Giorgio Strehler e del Piccolo Teatro in giro per tutto il mondo.
 
0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy