In Germania la disuguaglianza è al livello più alto dalla caduta del Muro

Questo è il messaggio che arriva da un'indagine condotta dal Deutsches Instituts für Wirtschaftsforschung (DIW). Il rischio di trovarsi in povertà rispetto agli anni '90 è raddoppiato passando dal 15 al 30 per cento.

poveri in germaniaA beneficiare della forte crescita degli ultimi anni sono state soprattutto le persone che già guadagnavano bene. La parte più povera ha avuto meno vantaggi. Questo è il messaggio di fondo che arriva da un'indagine condotta dal Deutsches Instituts für Wirtschaftsforschung (DIW). Gli autori parlano di un significativo "aumento della disuguaglianza in termini di reddito, che nel 2016 in Germania ha raggiunto il livello più alto a partire dalla riunificazione".  

I redditi disponibili delle famiglie - depurati dall'inflazione - tra il  1991 e il 2016 sono aumentati di quasi un quinto. Non sono disponibili dati comparativi più recenti. Analizzando la situazione delle singole famiglie, le cose tuttavia stanno un po' diversamente: il decile superiore ha aumentato il suo reddito del 35%. Nel mezzo la crescita è stata significativamente più bassa, fra l'8% e il 19%. Per il decile che guadagna di meno il reddito è sceso addirittura dell'8% - nonostante la buona situazione economica e la bassa disoccupazione.  

Una spiegazione per questa situazione, secondo gli autori dello studio, potrebbe essere la forte immigrazione degli ultimi anni. Il numero degli stranieri che vivono in Germania, infatti, dal 2010 al 2016 secondo il DIW  è aumentato di oltre tre milioni salendo fino a dieci milioni. I migranti nei primi anni spesso percepiscono un basso reddito.

 

Le persone sono soddisfatte del loro reddito come non era mai accaduto

 Per il loro studio i ricercatori del DIW hanno utilizzato i dati del panel socio-economico. Ogni anno circa 45.000 persone vengono interrogate, tra le altre cose, anche sulla loro situazione finanziaria. I dati mostrano che i tedeschi sono molto più felici rispetto al 2007 o al 1997. Anche le persone in fondo alla scala dei redditi sembrano più rilassate rispetto agli anni Novanta. Quasi il 40 % afferma di non avere "preoccupazioni" - la Germania non ha mai raggiunto un tale valore nemmeno negli anni '90. Solo il 15% sarebbe "molto preoccupato".  

Secondo gli autori ciò potrebbe anche essere dovuto all'immigrazione: spesso la propria soddisfazione viene misurata in relazione a quella degli altri. I migranti potrebbero confrontarsi con le persone rimaste nei loro paesi di origine, persone che spesso stanno ancora peggio di loro. Nonostante la percezione generalmente positiva, quasi la metà della società tedesca afferma: i miei guadagni netti sono troppo bassi.  

Il lavoro da solo, tuttavia, non è più in grado di proteggere dalla povertà. L'istituto di ricerca è arrivato anche a questa conclusione. Il DIW ha calcolato una cosiddetta soglia di "basso reddito" per indicare la percentuale di famiglie che percepiscono meno del 60% del reddito mediano: il reddito che sta esattamente nel mezzo se la somma di tutte le famiglie viene divisa a metà. Questo rapporto spesso è indicato come il tasso di popolazione a rischio povertà. I dati del DIW mostrano che dall'inizio del nuovo millennio questo numero è aumentato, non solo per le famiglie senza lavoratori e per i disoccupati. Ma cresce anche nelle famiglie con un solo percettore di reddito. Il loro rischio di trovarsi in povertà, rispetto agli anni '90 è raddoppiato passando dal 15 al 30 %. 

 

I problemi sociali peggiorano nelle città

I ricercatori mettono in guardia soprattutto dallo sviluppo problematico tipico delle grandi città, dove il  rischio povertà è cresciuto ancor più che nelle campagne. Questo sviluppo, nel quadro dell'aumento dei costi per l'affitto è "preoccupante". I politici dovrebbero occuparsi quanto prima della costruzione di alloggi a prezzi accessibili, "per ridurre la povertà tra le persone a basso reddito", chiedono gli autori.  

Il presidente del DIW, Marcel Fratzscher, ritiene che il mercato immobiliare sia una prova degli "eccessi" nell'economia sociale di mercato. Fratzscher si lamenta inoltre del numero insolitamente alto di lavoratori che in Germania percepiscono un basso salario. "Nonostante il boom economico degli ultimi anni - c'è un crescente rischio povertà e questa è una contraddizione". La ripresa per molti non è mai arrivata, la componente sociale dell'economia sociale di mercato è stata trascurata. E chiede: "Abbiamo bisogno di maggiori opportunità accessibili a tutti. Dobbiamo garantire che vengano stipulati più contratti collettivi. Che il sistema fiscale sia radicalmente riformato. Il reddito in Germania viene tassato ad un livello insolitamente alto - i redditi provenienti dalla ricchezza, invece, ad un livello troppo basso".

Marie Rövekamp

Fonte: Der Tagesspiegel

 

 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/218

Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

csb89
Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy