In Giappone la nudità si vede ma non si tocca

Samurai, hara-kiri (ma la persona colta dice seppuku ), geisha, kimono, yakusa, manga, sushi… tanti cliché esotici. Per quanto riguarda l'economia, il Giappone potrebbe essere la terza potenza mondiale. Per quanto riguarda l'Asia è la Cina a dominare l'immaginario occidentale contemporaneo, ma  soltanto in Giappone l'"uso" del corpo ha qualcosa di straordinario.

corpo35 Andrey GlazunovDal XVII ° secolo, il Giappone unificato sta vivendo una pace civile e chiusa agli stranieri (una porta è consentito al commercio con l'esterno). Il paese è diviso in 260 signorie, governate da una casta aristocratica organizzata in una piramide gerarchica con al vertice la corte imperiale. Agli inizi del XVIII ° secolo, Tokyo (chiamato Edo fino al 1868) ha un milione di abitanti: la metà sono guerrieri e le loro famiglie. Ma a causa della assenza di conflitti interni ed esterni (fino a quando l'attacco giapponese contro la Cina alla fine del XIX ° secolo), questi guerrieri senza guerre da combattere,  stavano diventando sempre più poveri .
Allo stesso tempo, la prosperità degli affari e una civiltà sempre più urbana favorirono l'ascesa di una ricca classe commerciale. Privo di potere politico, questo gruppo è portatore di una “nuova cultura” tendente all'emancipazione da rigide norme aristocratich

Una delle differenze tra l'Europa e il Giappone è l'influenza molto debole del giudeo-cristianesimo in Giappone. La Bibbia basa la sua morale, le sue norme e i suoi divieti su una Legge di origine divina, esterna al mondo sensibile, una Legge il cui principio è quello di sfuggire agli esseri umani, poiché hanno perso il Paradiso per aver osato voler conoscere la differenza tra il Bene e il Male. Inoltre, anche se il testo della Genesi non lo dice, l'interpretazione abusiva ma più comune attribuisce la responsabilità di quella che viene chiamata "la caduta" a Eva, cioè a una donna, e in definitiva alla sessualità. (Il cattolicesimo va anche oltre in questa direzione con il culto mariano della vergine madre). Inoltre, a parte il sempre citato Cantico dei Cantici, la Bibbia celebra molto poco il corpo.

Il confucianesimo, invece, introdotto in Giappone a partire dal quinto secolo, pone in primo piano l'imperativo di stabilire e mantenere l'equilibrio sociale in questo mondo. Il sovrano (l'élite al potere) deve assicurare il bene pubblico: in cambio, il popolo deve rispettare l'ordine. Norme, divieti e sensi di colpa sono molto più direttamente di origine sociale e umana che religiosa.

Contrariamente alla "trascendenza" caratteristica dei tre grandi monoteismi - ebraico, cristiano e musulmano - questa visione "immanente" non si riferisce a un altro mondo che è essenzialmente al di là di noi.

Se il rispetto delle gerarchie è evidente, nulla impedisce che la sessualità sia considerata come positiva, descrivibile, rappresentabile e persino messa in mostra, purché contribuisca alla prosperità della "famiglia"  e della società in generale. In Giappone, i "manuali del piacere" erano più diffusi che in Occidente, si frequentavano le feste della fertilità, si adoravano statue di falli e vulve e si eseguivano danze erotiche nel culto Shinto (un insieme di credenze popolari affini all'animismo e allo sciamanesimo, che idolatravano le forze della natura sotto forma di una moltitudine di divinità locali).

Certo, il cristianesimo non manca di immagini carnali, persino "oscene", a volte aggiungendo peni ai gargoyle delle sue chiese, ma questo rimane marginale, eretico, l'eccezione che conferma la regola, lontano dalla diffusa popolarità delle rappresentazioni apertamente sessuali visibili e accettate in gran parte dell'Oriente. In materia di sessualità, ciò che si può dire e mostrare, pubblicamente e culturalmente, nelle arti d'élite come nelle forme popolari, era infinitamente più esteso in Giappone che in Europa o negli Stati Uniti.

Certamente, la costrizione morale e l'autocensura pesavano di più sui samurai che sulla gente comune, poiché dovevano garantire una discendenza, e quindi dovevano tenere sotto stretto controllo le loro mogli, sia prima del matrimonio (verginità richiesta) che dopo. Allo stesso tempo, gli uomini d'arme vivevano tra di loro in un mondo maschile, e praticavano l'"amore tra ragazzi" (nanshoku), frequente soprattutto fino alla metà del XVIII secolo, ed era riconosciuto, accettato e diffuso; il rapporto tra maestro e allievo, o uomo maturo e adolescente o giovane, ricordava un po' il rapporto di apprendistato e dipendenza tra l'eraste e l'eromena nell'antica Grecia. Non era nemmeno insolito vestire un ragazzo adolescente come una ragazza.

Inoltre, il buddismo, giunto in Giappone contemporaneamente al confucianesimo, affermava l'impermanenza e l'irrealtà del mondo, l'inutilità di tutto, e raccomandava il distacco: "così potremmo anche godere dell'effimero della pura felicità, dei sensi capovolti, dei disturbi della carne" (François Lachaud: cfr. "A lire & à voir")

In contrasto con il comportamento dominante in Europa all'epoca, i giapponesi avevano una minore paura e una maggiore tendenza a mostrare e raccontare il proprio corpo. La nudità dei bagni pubblici misti ha sorpreso i viaggiatori occidentali. Come nel naturismo occidentale, questa pratica può essere semplicemente una questione di igiene, e perdere la sua carica erotica: in Giappone, "la nudità è vista ma non guardata", osservava un inglese nel XIX secolo.

Allo stesso modo, il nuoto, che è diventato popolare tardi in Europa, è una tradizione millenaria in Giappone, sia uno sport che un'attività popolare. A volte intere famiglie attraversavano un lago nude, a volte per chilometri, per raggiungere una piccola isola, con una borsa da picnic appesa sopra la testa, quando molti europei non sapevano nuotare, e solo nel XVIII secolo nacque il gusto e il fascino per le spiagge della Manica o del Mare del Nord.

 

Teatro  androgino

Cantanti e ballerini hanno praticato a lungo la loro arte vestiti da uomini. Gli stessi costumi di corte riflettevano "  l'ambiguità di genere  ". Nel 1629, le donne furono bandite dalle scene, e i loro ruoli furono quindi interpretati da uomini, molto giovani e apparentemente "femminili". A metà del secolo, sono gli attori maschi adulti a recitare tutti i ruoli, alcuni specializzati in un registro femminile, e spesso adorati dal pubblico. Le donne non tornarono sul palco fino al 1877.
In tutto questo, “l'  androginia non era vista come un disturbo mentale ma come un sacro privilegio. La fusione delle due bellezze, maschio e femmina, è stata molto apprezzata. »
Fino all'inizio del XVII secolosecolo, il teatro fu "  fortemente erotizzato  ", poi la censura tentò di porvi fine, ma la ripetizione dei divieti e dei decreti indica la loro efficacia molto relativa. La repressione dei costumi dilagante alla fine del XVIII ° secolo alla metà del XIX ° non ostacolare la circolazione e la vendita apertamente di quello che oggi "pornografia" e il nome "giocattoli sessuali". I cosiddetti quartieri del piacere, costituiti da nuclei familiari maschilisti, comprendevano un quartiere di ragazzi, ma questo tipo di luogo si disconosce a metà del XVIII ° secolo come spazio sociale.
Per quanto riguarda la geisha, il suo significato moderno non appare fino al XVIII secolo. In origine, la parola ha significato una persona, uomo o donna, che pratica un'arte, e nel XVII ° secolo, si applica a un uomo, poi sempre, se non esclusivamente a una donna. All'inizio, prestava servizio sessuale solo occasionalmente, dopo la performance artistica che era l'oggetto della sua performance (musica, danza, recitazione di poesie). Il mito della geisha idealizza una realtà non raffinata, soggetta al denaro e alla costrizione (gerarchia, dominazione maschile, ecc.), tra l'altro attraverso la pratica della deflorazione ritualizzata e a prezzo.

 

1868-1918: disciplina

Nel 1853, Nagasaki era l'unico porto aperto agli stranieri. Quell'anno, venendo all'ancora senza invito nella baia di Tokyo... e minacciando nientemeno che di bombardare la città, le navi da guerra americane dimostrano l'inferiorità di un paese presto costretto ad aprirsi al commercio internazionale. Per reazione, il Giappone industrializzerà e modernizzerà il suo sistema politico e amministrativo, un percorso che tutti i paesi alle prese con gli imperialismi occidentali non volevano né potevano seguire.

L'era Meiji ("illuminata"), che si svolse ufficialmente dal 1868 al 1912, regolava costumi e atteggiamenti. L'élite rinnovata riprende il tradizionalismo ereditato dal confucianesimo e forgia una morale “nazionale” con la supervisione militare della giovinezza e la riscoperta dell'immagine sublimata ed eroica del guerriero. Una certa “libertà dei costumi” va nella semiclandestinità.
“  L'arte erotica e la permissività dei costumi avevano scandalizzato i primi occidentali dopo la sua apertura. Gli Stati imperialisti dell'epoca, inoltre, trovavano in queste usanze “  barbariche  ” un ulteriore argomento che giustificava che il Giappone dovesse essere tenuto in una situazione di subordinazione dai “trattati ineguali”.. Così il nuovo potere si affrettò a condannare le pratiche sessuali ereditate dalla storia per elevare il puritanesimo della borghesia occidentale al rango di virtù pubblica.".

I giuristi giapponesi hanno poi mutuato dal codice penale francese, i militari hanno beneficiato di esempi americani, britannici, tedeschi e francesi, i moralisti hanno imitato il "vittorianesimo" inglese e gli psicologi hanno tratto ispirazione dai concetti e dalle tecniche del recentissimo Occidente scienza della "sessualità", che distingue il normale dal patologico e il sano dal pervertito utilizzando categorie come "omosessualità", "eterosessualità", "bisessualità"... Parole come sei (sesso nel senso scientifico) o seiyoku  ( libido) […]spazzare via ricche nozioni come iro (piacere) ”.
“ Le nuove norme forensi furono lentamente imposte alle classi lavoratrici mentre la prostituzione incontrollata traboccava dalle enclavi delle aree riservate e appariva un fiorente mercato pornografico sotterraneo. Molte pratiche condannate erano anche semplicemente più discrete.  "(Pp. 248-249)
Così convergono l'eredità dei valori della famiglia confuciana conservatorismo, promozione della nascita, procreazione al servizio dello Stato (produrre operai e soldati), igiene naturale, eugenetica ...

A questo polo positivo, si oppone il waisetsu, che si potrebbe tradurre con “oscenità”: fino ad allora riservato a ciò che turbava l'equilibrio sociale, ma non soprattutto i costumi sessuali, si applica ora più particolarmente a ciò che scandalizza il pudore, il perbenismo e il decoro. Concetto molto elastico, legittima la condanna dell'allattamento in strada agli occhi di tutti, la chiusura dei bagni pubblici misti, il divieto (rispettato o meno) del travestimento, la sostituzione della "  consuetudine degli incontri di gruppi di giovani". persone. di entrambi i sessi […] da associazioni patrocinate dalle autorità  ", la disapprovazione del tatuaggio, la sacralizzazione della verginità e la castità delle donne che nella classe operaia non er tenuta in gran conto,  ovvero l'incoraggiamento dato ai matrimoni combinati dalla famiglia, fino ad allora pratica comune dell'élite, soprattutto aristocratica, ma relativamente rara tra la gente comune. 

In breve, una tendenza a moralizzare le classi lavoratrici, “  come se modernizzazione, interiorizzazione (autocensura) e proibizionismo lavorassero di concerto.  ». Volevamo la donna lavoratrice fuori casa (e in quella “moderna”), ma anche una moglie sottomessa e una buona madre.
“  Rompendo con l'ars erotica […] , lo Stato intendeva costringere i costumi regolando le pulsioni e reprimendo le sessualità disparate per incanalare le energie verso la procreazione e la produzione. […]Modernizzandosi, l'arcipelago si trovò di fronte [alla] ricomposizione delle classi sociali nel corso di una proletarizzazione di parte dei contadini che era arrivata ad ingrossare le fila di una plebe urbana che doveva essere controllata e portata alla ribalta del lavoro. Con varianti relative al contesto socio-culturale, il desiderio di sottomissione in Giappone come in Europa nasce dallo stesso desiderio di disciplinare un nascente proletariato. Come le loro controparti europee, i sovrani Meiji capirono rapidamente che lavoro e piacere si escludevano a vicenda nella civiltà industriale.  ".

Rifiutando la perdita dei propri privilegi, una minoranza di samurai intraprese una repressa rivolta nel 1877, ma molti si riconvertirono nei quadri del nuovo sistema politico e militare. Inoltre, nella sua evoluzione verso una monarchia costituzionale autoritaria, il Giappone promuove una "samuraiizzazione", reinventando la sua passata mitologia guerriera per metterlo al servizio di uno stato nazionalista ed espansionista (occupazione delle regioni cinesi, guerra contro la Russia e colonizzazione della Corea) .

Nell'esercito giapponese moderno, il ruolo di mentore dei giovani da parte dei samurai adulti sta diminuendo, e con esso il gusto dei ragazzi/adolescenti, anche il samurai si rivolge maggiormente alle donne. "L'omosessualità" diventa una pratica e una categoria a parte: nanshoku(gusto dei ragazzi) lascia il posto al dôseiai (amore tra persone dello stesso sesso).
Tuttavia, non tutto segue il modello occidentale. Dopo la vittoria contro la Russia nel 1905, su una stampa anonima, ma famosa, un soldato giapponese sodomizza un nemico russo. Questo tratto omofobico non ha nulla di specificamente giapponese, ma quello che rimarrebbe in Francia o in Germania una barzelletta cruda difficile da esprimere in pubblico ("Li fottiamo!") Circola al sol levante sotto forma di un'opera artistica ampiamente distribuita. In confronto, su una cartolina inglese dello stesso periodo che tratta degli stessi eventi (la cattura di Port-Arthur), le teste dei soldati giapponesi sono sostituite da natiche nude, che usano le loro scoregge come armi anziché come fucili: umorismo razzista più scatologico piuttosto che che erotico.

Come abbiamo visto, i costumi e le costrizioni sessuali variavano considerevolmente a seconda dell'ambiente sociale, e la "scoperta" degli amori femminili non fa eccezione: "L'  amore tra le ragazze della classe operaia - come il loro destino - non fa eccezione. Difficilmente ha attirato l'attenzione. D'altra parte, l'omosessualità tra le collegiali, che la stampa stimava nel 1911 più diffusa che tra i ragazzi, sconvolse l'ordine sociale borghese per l'autonomia che esse assumevano (in termini di sentimenti e di intime emozioni). ".
In breve, l'era è stata segnata dall'eclissi dell'erotismo di fronte all' " amore romantico "  . "Sublimata ma disincarnata, dalla censura dell'arte erotica (che per questo non scompare) a favore di "una scienza sessuale", e dalla musealizzazione dell'omoerotismo del guerriero. llo stesso tempo, la geisha mitizzata, elevata all'altezza di un emblema di "  un erotico raffinato  ", passa per "l'  incarnazione sublimata della femminilità giapponese  " . In realtà, la prostituzione legale e illegale prolifera, aggravando la condizione delle donne che vi sono coinvolte.

 

Anni '20: erotico, grottesco, assurdo e ragazza di Engels

In Giappone, il decennio successivo al 1918 non è estraneo ai "ruggenti anni Venti" negli Stati Uniti o agli "anni d'oro" nella Germania di Weimar: l'ascesa dei "grandi magazzini", l'abbigliamento occidentale, l'apparente liberazione delle buone maniere, la pubblicità chiassosa, neologismi derivati ​​dall'inglese ( shop girl , office girl , benzinaio - addetta alla pompa - e anche ragazza di Engels - politicizzata)… In effetti, spiegano Pons e Souyri, è al massimo “  un inciampo di emancipazione  ”: le donne” sono  entrate nel mercato del lavoro - e partecipando per una piccola minoranza alle lotte operaie - […] pesano soprattutto nella cultura di massa in quanto consumatori  » .
È il tempo dell'ero-guro-nansensu (erotico, grottesco e assurdo o senza senso), "  fenomeno sociale tanto quanto culturale  ", e il suo gusto per il cigolante, il bizzarro, il morboso, persino l'atroce. e il sadomasochismo . Ma anche della modan gâru ( ragazza moderna ), un'immagine famosa ma minoritaria, che dovrebbe coltivare la "  sfumatura dei generi  :"  Lei è lui e lui è lei  "  Agitazione della morale più che rivoluzione, il fenomeno rimarrà senza futuro - e non riemergerà fino a dopo la guerra.

La crisi del 1929 portò alla chiusura dei mercati esteri, alla mancanza di materie prime e al crollo della produzione industriale: questa si riprese solo con l'aumento della spesa per gli armamenti dovuto alla militarizzazione di un Paese che risolveva i suoi conflitti in una corsa a capofitto imperialista. Oltre alla crisi economica, c'è uno squilibrio sociale e politico: sommosse, repressione del movimento operaio, divisione della classe dirigente, instabilità di governo, assassinio del Primo Ministro nel 1932, tentato colpo di stato nel 1936, con conseguente confisca del potere civile da parte dello stato maggiore. Dal 1931 (invasione della Manciuria) e ancor di più dal 1937 (inizio del conflitto totale con la Cina), fino al 1945, il Giappone vivrà in una guerra permanente.
Nazionalismo e sviluppo della prostituzione, legale o meno, vanno di pari passo, anche nei bordelli militari, i cui residenti sono per lo più coreani ma a volte anche giapponesi. Nel 1936 una straordinaria notizia sanguinosa fece scalpore, sconvolgendo il conformismo morale, anzi completandolo perché ogni scandalo funziona sia come rivelatore sociale che come catarsi: una prostituta di 31 anni, Abe Sada, e un suo cliente che sono diventati il ​​suo amante condividono una passione così violenta che la donna, in un gioco erotico di strangolamento, uccide il suo compagno, gli taglia il pene, lo porta via, prima di essere arrestata dalla polizia due giorni dopo. 

Abbiamo potuto vedere nel suo atto" l'espressione di una forma di resistenza apolitica a una società oppressiva che poteva solo concepire il desiderio sessuale femminile in modalità patologica ”. Condannata a sei anni di carcere, rilasciata nel 1941, scrisse la sua autobiografia e le tappe successive se stessa in uno spettacolo da bar. L'eco dell'evento continua ancora oggi, dando vita a un susseguirsi di libri, documentari, diversi film di finzione (il più recente nel 2011), commedie, canzoni… Ade Sada resta interpretata in tutti i sensi: donna “velenosa”, eroina di amore folle, ribelle antitotalitario, lotta femminista contro il patriarcato… Illustra la forza incontenibile del desiderio, ma anche la sua spettacolarizzazione. Come scrisse uno dei suoi biografi: “ L'immagine che si era costruita di lei era diventata una prigione senza muro  ”. Prima di farsi da parte: “  Un giorno è partita con i suoi risparmi e un kimono estivo per tutti i bagagli. Nessuno sa cosa le sia successo.".

 

Dopo il 1945: erosione e censura

All'indomani della sua sconfitta, il Giappone si trasforma in una democrazia parlamentare (anche concedendo il diritto di voto alle donne) ben strutturata (il Partito Liberal Democratico, la principale forza conservatrice, monopolizzerà il potere per diversi decenni).
Gli Stati Uniti furono padroni del paese fino al 1952: "  l'occupante incoraggiò le tre 'S (sport, spettacolo e sesso) come un derivato . ". Né soldati né orfani potevano essere mostrati sullo schermo, i film patriottici e imperialisti realizzati prima del 1945 furono banditi, anche quantità eccessive di nudità, ma il "romanticismo" fu incoraggiato.
È poi il sorgere del "  sex-spettacolo  ",  tra le altre mostre di donne nude, e di una stampa" erotico-pornografico  ” fiorente, poi quasi clandestino negli Stati Uniti. Nel 1958 viene dichiarato illegale l'approvvigionamento di quelle che in Francia si chiamavano ragazze "in casa", costringendo la prostituzione organizzata ad evolvere verso una maggiore discrezione. Tanto censurata quanto prospera, la sessualità commerciale dà vita a una “  letteratura della carne  ” crea una “eroduzione” (produzione cinematografica erotica). Negli anni '60, metà dei film giapponesi rientrava nel genere eiga rosa(cinema rosa), alcuni adottano un'estetica d'avanguardia, flirtando anche con una critica politica di estrema sinistra. Nei teatri per spettatori adulti, la stragrande maggioranza dei quali maschilista, consumismo sessuale e immaginario patriarcale vanno di pari passo, con la particolarità che in Giappone "  una delle più prolifiche industrie del sesso al mondo  " si avvicina alla " caccia sfrenata al sesso". . . comparsa di organi sessuali e peli pubici su schermi cinematografici o fotografie ". La censura non è inattiva.


Nel 1951, condanna il romanzo L'amante di Lady Chatterley, autorizzata alla vendita solo quarantacinque anni dopo (opera vietata in Inghilterra e Canada fino al 1960, e anche altrove per molto tempo, in Irlanda, Cina, India, Polonia, Australia, Stati Uniti fino all' anno 1959...). Riguardo alla violenza, invece, il Giappone mostra una tolleranza impensabile in Europa o negli Stati Uniti: stupro e tortura restano “ figure imposte anche oggi nei manga, nei gangster e nei film horror dove il “  Sadismo  ” è onnipresente ” (François Lachaud). A differenza di altri paesi, ad esempio la Francia, che unisce sesso e violenza nella stessa categoria con la sua nozione di “film pornografici e incitamento alla violenza”.

Ogni società costruisce i costumi che le si addice, e cambia i suoi standard secondo le sue logiche e le sue esigenze. E questo ancora di più nelle società in cui regna capitalismo. Il Giappone ha da tempo prodotto una delle culture erotiche più elaborate che conosciamo e si è diffusa in vari modi in tutti gli strati sociali.

Nell'era dell'industrializzazione, quando il capitalismo è penetrato abbastanza nelle pratiche e nelle mentalità da non poggiare più solo sulle proprie convinzioni fondamentali (dominio del rapporto salariale e tendenza a mercificare tutto), diventa allora possibile concedere uno spazio molto più ampio alle minoranze sessuali, alle deviazioni, persino alla trasgressione… purché siano rispettati Stato e capitale. È probabile che il matrimonio per tutti sarà presto legalizzato in Giappone, Paese ancora molto patriarcale dove la dominazione maschile rimane profondamente radicata. 

Philippe Pons e Pierre-François Souyri interrompono il loro studio alla fine del XX secolo agli albori della convivenza morale e di un proliferare di codici, fino alla voga del “No Sex” compresa, dove l'a-sessualità diventa rifugio, affermazione di sé, addirittura posizionamento politico. Questa nuova categoria (e senza dubbio non l'ultima) non permette più di vivere la sessualità liberamente, ma più semplicemente di uscirne. IL corpo conoscerà nuovi ruoli.

 

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

Informative

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31