Si chiama Amur l'«ombrello» che protegge Mosca

{fa-info-circle } Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

La Russia ha testato un nuovo missile per il sistema di difesa anti-balistica (ABM) della regione di Mosca, il missile “Amur”. Rimpiazza l’ormai vecchio PRS-1 sovietico, entrato in servizio dal 1979. Si tratta di uno dei più potenti e costosi sistemi di difesa aerea della Russia.

Quando c'era l'Unione Sovietica: la difesa aerea di Mosca

Questo nuovo missile anti-balistico ha le stesse dimensioni e il medesimo peso del modello precedente. La differenza principale si trova all’interno del missile, dotato di motori, tecnologie e specificità tecniche moderne, che gli consentono di volare a velocità ipersoniche (4 km al secondo o approssimativamente 14.500 km all’ora). I nuovi dispositivi consentono di intercettare ogni potenziale attacco aereo, missili balistici intercontinentali, missili da crociera e bombardieri di quinta generazione.

Secondo i progettisti, questo sistema è in grado di annientare i bersagli a più di 800 km di distanza, ad altezze variabili tra i 5 e i 70 km. Possiede la stessa potenza di fuoco delle vecchie testate nucleari e sovietiche: 10 kiloton.

E questa è solo una minima parte del grande ombrello ABM che copre Mosca.

Gli occhi dell’ABM

Le informazioni provenienti dai radar di tutto il paese arrivano direttamente nel centro di comando della capitale, mettendo in allerta sulle potenziali minacce aeree.
“Qualsiasi segnale di allarme sarà trasmesso alla centrale di difesa antimissile e alla stazione radar Don-2N nella regione di Mosca”, ha spiegato l’analista militare della Tass Viktor Litovkin.
Secondo Litovkin, il Don-2N sarebbe in grado di attivare tutte le unità di difesa aerea della regione di Mosca.
“Inoltre i cieli di Mosca sono sorvegliati dagli aerei Sukhoi Su-30MS, Su-35, Mig-29 e MiG-31 - ha osservato Litovkin -. Essi sono sistemati non solo fuori Mosca, ma anche nelle regioni limitrofe”.
Fonte: Russia Beyond  27- Luglio 2018

Un curioso conflitto diplomatico

La comparsa dell’Amur è associata a un curioso conflitto diplomatico.
Nel 1970, URSS e Stati Uniti avevano accumulato abbastanza testate nucleari in grado di distruggere se stesse esse ed il resto del mondo più volte, ed allo stesso tempo avevano realizzato la propria difesa contro i missili nemici. Secondo questa logica di guerra si capì che la difesa antimissile aumentava paradossalmente il rischio di guerra nucleare. Questo perchè un paese con difesa antimissile ha incentivo ad effettuare un attacco preventivo sull’arsenale nucleare del nemico: meno può lanciare missili in risposta, maggiore è l’efficacia della difesa missilistica.
Inoltre, i sistemi d’intercettazione missilistica minano la dottrina della distruzione reciproca garantita, vale a dire, il freno principale alla Terza Guerra Mondiale.
Di conseguenza, Mosca e Washington conclusero un accordo sulla limitazione dei sistemi di difesa antimissile.
Ogni Paese aveva diritto di dispiegare la difesa antimissile in un’area dal raggio di 150 chilometri.
Così l’Unione Sovietica copriva Mosca, gli Stati Uniti la posizione di lancio dei loro ICBM nel Nord Dakota. Per i creatori dell’A-135, il contratto diede molti problemi, poiché il progetto già esistente del sistema dovette essere ampiamente ridotto, adattandosi agli accordi internazionali.
Gli Stati Uniti dopo 20 anni lasciarono l’accordo
Proprio perchè i governi ed i presidenti successivi avevano sviluppato ed introiettato, nella logica della guerra, ed anche dell'economia, nuove strategie per la difesa del suolo Americano, in particolare quello di esternalizzare le proprie difese, portandole il più vicino possibile alla Russia ed al contempo il più lontano possibile dai propri territori. Insomma anche e soprattutto modificare e strutturare il Patto Atlantico riformulare la propria immagine e reputazione, difendere e sviluppare la propria economia. Quindi convincere in particolare gli stati Europei (soprattutto i più deboli) e quelli della cintura del pacifico per crearsi il più grande ombrello prottettivo possibile. 

 

La difesa aerea degli Stati Uniti (fino alla metà degli anni Sessanta)

Safeguard Program. Il Safeguard Program era un sistema missilistico anti-balistico dell'esercito degli Stati Uniti, sviluppato durante la fine degli anni '60 era presidente degli Stati Uniti Richard Nixon. 

Vedi anche: https://en.wikipedia.org/wiki/Safeguard_Program

Il Safeguard Program fu anche supportato da un vastissimo e costosissimo sviluppo d'informazione propagandistica politica, sia interno al paese che esterno. Un esempio ne è questo video realizzato per un chiosco in una installazione militare situata a Fort Bliss, una piccola goccia del vasto sistema d'informazione e propaganda sul programma missilistico di salvaguardia


 Stanley R Mickelsen Safeguard complex aerial 1000

Stanley R Mickelsen Safeguard complex grass

Stanley R Mickelsen Safeguard complex manhole 1000

 

Pin It

Mai riuscito a rispondere compiutamente alle uniche importanti domande della vita: “quanto costa?”, “quanto ci guadagno?”. Quindi “so e non so perché lo faccio …” ma lo devo fare perché sono curioso. Assecondami.

© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Anmelden



Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31