Convivere con la bomba. I tedeschi a caccia di bunker nonostante il prezzo

La guerra in Ucraina ha aumentato la domanda di bunker individuali non solo nella capitale, ma anche nei Länder poiché in Germania ci sono appena 600 rifugi antiaerei pubblici per gli 84 milioni di tedeschi. 

Il mini-bunker è composto da una stanza di 9,6 metri quadrati con un letto a castello, una dispensa per riporre gli alimenti, un angolo cottura, un wc e un locale tecnico e costa 59.000 euro. Per 18 metri quadrati si devono pagare 120.000 euro, per 90 metri quadrati 385.000 euro.

Bunker 5Secondo l'Agenzia federale per le attività immobiliari, il governo federale ha ancora 599 rifugi pubblici. La maggior parte si trova nel Baden-Württemberg. Nella foto: Un corridoio dell'ex bunker nucleare del governo statale della Renania-Palatinato (Fredrik Von Erichsen, dpa picture-alliance)

La paura della guerra atomica. Secondo un'indagine Forsa dello scorso marzo, il 69% degli intervistati teme che la NATO e quindi la Bundeswehr saranno coinvolti nella guerra contro la Russia attraverso l'Ucraina. La televisione berlinese, ovvero RBB24 , il gruppo mediatico regionale per il Land di Berlino e il Land di Brandeburgo, ha quindi dedicato un servizio alla frenesia tedesca per l'acquisto di bunker: "La paura della guerra suscita un forte interesse per i bunker privati".
Occorre investire almeno 100 milioni di euro per un comodo bunker personale, precisa l' RBB24.
 
Dal lattice al riutilizzo del bunker. Secondo l'autore del rapporto, Hasan Gökkaya, la manutenzione dei rifugi antiaerei pubblici in Germania è stata interrotta nel 2007. Il governo tedesco ha considerato, quindi, che con la caduta del muro di Berlino, un conflitto militare in Europa con il bombardamento di grandi aree e l'uso di armi chimiche e nucleari era impossibile.
Di conseguenza, 23 rifugi antiaerei di Berlino sono stati chiusi e utilizzati per altri scopi.
È praticamente impossibile riportarli allo stato originale perché non è disponibile l'attrezzatura necessaria. E le varie modifiche apportate le hanno deteriorate rispetto agli obiettivi iniziali.
Secondo gli esperti, se questi rifugi antiaerei fossero operativi, oggi meno dell'1% degli abitanti di Berlino oggi potrebbe rifugiarsi lì. Esisteva , ad esempio, fino al 2017 un enorme bunker atomico sotterraneo a Berlino sul Kurfürstendamm. Le autorità hanno deciso di raderlo al suolo.
Dopo la Guerra Fredda, è stato utilizzato come luogo per ospitare mostre o altre attività notturne come la Fiera erotica di Berlino, dove si potevano vedere scene esuberanti delle notti berlinesi con persone vestite di lattice.
 
Il trauma della guerra in Germania rimane vivido.
Ma l'attuale conflitto armato in Europa fa temere ai tedeschi per la propria vita. Al riguardo, l'indagine Forsa è rivelatrice. Il 69% dei tedeschi interrogati teme quindi che la NATO e la Germania siano coinvolte nel conflitto ucraino.
In quanto tale, riporta la televisione bavarese, BR24 ai suoi lettori: “Le immagini che attualmente vengono trasmesse sullo schermo in tempo reale dall'Ucraina sono spaventose. La paura della guerra ci colpisce in un momento in cui la salute mentale di molte persone è già stata indebolita da due anni di pandemia del corona”.
La direttrice della cellula psicologica raggiungibile telefonicamente a Monaco, Martha Eber, osserva una crescente paura e panico di fronte alla guerra in Ucraina. "Molte persone, [che ci chiamano, rimangono ossessivamente incollate alle notizie] o cercano costantemente [notizie] su Google, leggono un'opinione di esperti dopo l'altra. Alcuni dimenticano di mangiare e non riescono a dormire", ha detto alla Süddeutsche Zeitung. E aggiunge: “Le persone anziane che ancora ricordano la seconda guerra mondiale hanno spesso paura per i nipoti e un'altra guerra mondiale”.

Bunker5Questo bunker  "ultimo grido" della versione tedesca ha 15 piani e una profondità di 60 metri.Prezzi e offerte sulla paura.

Il costo di un bunker nella versione base (con porta blindata e wc) si aggira intorno ai 100.000 euro. La rivista Focus , tuttavia, ha stimato il costo di un bunker personale da 50.000 a 1 milione di euro. Ma il prezzo stabilito per la costruzione di un bunker, in realtà, non è limitato, afferma la rivista.

In linea di principio, questi bunker dovrebbero fornire protezione contro il fuoco di armi leggere e mortai, resistere alle onde d'urto e persino alla radioattività.

In Focus , Mario Piejde, direttore tecnico dell'azienda berlinese Bunker Schutzraum Systeme Deutschland (BSSD), ha dichiarato :
"Per giorni abbiamo ricevuto più di 100 richieste e molti ordini fermi da tutta la Germania e da altri paesi".
L'azienda, fondata nel 2014, offre ad aziende e privati ​​l'installazione di bunker, shelter, garage blindati e cosiddette panic room. Secondo le sue stesse dichiarazioni, l'azienda è la più grande e in alcune aree l'unico fornitore di tali strutture in Germania.

Il mini-bunker nella versione tedesca è composto da una stanza di 9,6 mq con un letto a castello, una dispensa per riporre gli alimenti, un angolo cottura, un wc e un locale tecnico e costa 59.000 euro. Per 18 metri quadrati , devi pagare 120.000 euro, per 90 m 2 , 385.000 euro. La società afferma di aver bisogno di 180 giorni per costruire il bunker di sua scelta.

 Parlando con RBB24 , Mark Schmichen, portavoce di BSSD, ha affermato che "molti clienti sono semplicemente terrorizzati dalla situazione attuale".
Entro il 24 febbraio, l'azienda aveva non meno di 300 visitatori al suo sito web. "Quando è iniziata la guerra, il numero è salito a oltre 10.000 visitatori al giorno", ha detto.
Bunker simili sono realizzati anche da altre società. Almeno le "camere antipanico" sono prodotte anche da altre aziende tedesche, come Turtle Saferooms di Brema e Scutum di Berlino.
I rappresentanti di queste società hanno confermato a RBB24 che la domanda di bunker è triplicata dal 24 febbraio in tutto il mondo.
 scritto da Berlin89

Leggi il Dossier: Convivere con la bomba

 

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31