Violenza, perdita del controllo, stupro? I frutti della mascolinità

In questo tempo di informazione si va scoprendo che le mitologie non sono solo uno studio della storia o della letteratura, ma possono disinnescare il potenziale distruttivo che c'è nell'anima dell' uomo.

mascolinità Endymion di Alice Pike Barney 1920

 Gli ideali del razionalismo e della scienza stanno lentamente perdendo la presa sul mondo. Ora c'è una comprensione che esistono certe verità, forze e misteri che vanno oltre la logica e le prove sperimentali. Per troppo tempo abbiamo trascurato la saggezza intuitiva ed emotiva del subconscio, un tesoro di profonda conoscenza che non può essere spiegato usando parole semplici ma bisogna invece dirlo, come facevano i nostri antenati, attraverso vecchie storie e mitologie. Perché le mitologie non sono solo uno studio della storia o della letteratura, ma piuttosto rappresentano una riflessione nell'anima dell'uomo.

È stato Carl Jung a proporre che la mente umana, o psiche, non è esclusivamente il prodotto dell'esperienza personale, ma piuttosto contiene elementi che sono universali e comuni a tutti. Questi elementi ha chiamato gli archetipi e ha concluso che è la loro influenza sul pensiero e sul comportamento umano che dà origine alle somiglianze tra miti e religioni di culture diverse. Questi archetipi rivelano la presenza di una memoria universale appartenente all'uomo in cui elementi della storia umana si sono fusi e avanzati per formare la psiche umana. Jung ha chiamato questo ricordo l'inconscio collettivo.

 È la fonte di tutta la storia umana, l'ispirazione per ogni religione e arte. Ed è anche la ragione per cui diverse culture condividono mitologie e storie simili.

Gli archetipi si estendono oltre la cultura e le nazioni. Sono le componenti profondamente radicate della psiche che definiscono la nostra natura primordiale e preistorica. In questo senso, gli archetipi rappresentano le caratteristiche psicologiche umane che sono transpersonali, indigene ed ereditate.

Robert Moore e Douglas Gillette hanno studiato, alla luce del lavoro di Carl Jung, la presentazione della mascolinità nel corso della storia. Hanno scoperto che le passate espressioni di regalità puntavano tutte verso strutture archetipiche che appartengono all'inconscio maschile collettivo.

Queste immagini e archetipi servono da riflesso nell'inconscio del maschile; ci permettono di capire i modelli di vita che sono accaduti dall'inizio della storia umana. E, osservando questi schemi, credeva Moore, possiamo imparare come orientare la nostra mascolinità secondo il più alto degli ideali.

Moore sosteneva che i problemi che vediamo oggi con gli uomini - violenza, perdita del controllo, stupro - sono il risultato degli uomini moderni che non esplorano adeguatamente o non sono in contatto con gli archetipi primitivi e maschili che sono in loro.

Tuttavia, non dovremmo imitare un certo modello archetipo o aderire alle esigenze di un archetipo. È sciocco romanticizzare gli archetipi. Siamo esseri umani, ognuno di noi ha un'energia unica, una connessione vitale all'insieme. Le espressioni della mascolinità sono distintive come gli individui stessi. Perché non esiste un unico standard per essere un uomo, nessun codice o definizione che si debba seguire per diventare mascolino. La mascolinità è già dentro di noi ed esprimiamo la sua energia con il nostro cuore e la nostra anima. Ogni anima è unica e anche la mostra delle energie universali sarà unica.

Invece, gli archetipi servono da specchio per l'ego. Ci permettono di distinguere dove siamo nel mondo, di vedere fino a che punto siamo nel viaggio e come dobbiamo posizionarci per andare verso il bene superiore. Diventando consapevoli delle energie archetipiche che ci possiedono, abbiamo la possibilità di mettere insieme ciò che è rotto e distruggere solo ciò che deve essere distrutto. La conoscenza e la saggezza delle storie archetipe ci forniscono la possibilità di evitare potenziali futuri disagi che avremmo altrimenti considerato come una questione di destino.

0_m_Qhklj2U1TWRB5X.jpg

Tutti gli uomini e le donne incarnano queste strutture caratteriali. In effetti, la mascolinità non è una riserva del maschio. C'è, tuttavia, un capovolgimento nella polarità poiché la maggior parte degli uomini sono più maschili che femminili e la maggior parte delle donne è più femminile del maschile. Tuttavia, questi archetipi risuoneranno con entrambi i sessi e sono essenziali se entrambi desiderano sviluppare la loro energia maschile.

Moore chiamato gli archetipi del maschile il guerriero, il mago, l'amante e il re. Questi archetipi affiorano nella mitologia, nel folklore e, nei tempi moderni, nelle produzioni cinematografiche. La maggior parte delle persone al giorno d'oggi sarà in grado di riconoscere questi personaggi nei loro romanzi e film preferiti. È l'istinto dell'industria cinematografica ad attirare il pubblico moderno per la sua natura primordiale. Questi archetipi esistono all'interno di ogni uomo, ma alcuni di essi risuoneranno più di altri secondo l'espressione dell'anima.

Ora, lo scopo del Guerriero è creare e supportare la stabilità. Il Guerriero usa la sua energia per affrontare minacce di violenza dall'esterno e minacce di caos dall'interno. Deve calmare il suo regno interno prima di poter affrontare i predatori che si aggirano all'esterno. E con una mente calma, è in grado di agire senza esitazione o paura e mantenere la calma anche mentre si trova sotto una raffica di missili. È la sua aggressività, la sua volontà di agire, la sua prontezza mentale e la sua forte statura che gli permette di diventare il protettore della sua comunità.

Il Mago all'interno ci spinge a comprendere la conoscenza nascosta e la verità. Il Mago è fondato e presente; trae energia dal suo corpo piuttosto che dalla confusione della sua mente, permettendo ai suoi sensi di godere del flusso naturale del mondo. È profondamente in sintonia con la sua intuizione ed è sensibile a ciò che lo circonda. Osserva le vibrazioni dei pensieri delle persone e sente il cambiamento delle loro emozioni. Il mago era conosciuto nei tempi antichi come il mistico, saggio o alchimista - persone che potevano incanalare conoscenze o talenti speciali per il bene della gente.

l

The Lover è l'archetipo dell'emozione, del sentimento, dell'idealismo e della sensualità. Il suo cuore è aperto allo spirito del mondo e cerca di sperimentare quante più dimensioni della vita possibile, il più spesso possibile. L'amante si sintonizza con le forze misteriose che sono alla base della nostra esistenza quotidiana.

Questo è l'archetipo che alimenta la spiritualità di un uomo, e quella in cui risiede l'energia dell'amore. Quei lampi di ispirazione o scintille di creatività che sentiamo dentro di noi, questa è l'energia dell'amante che si mostra nelle nostre vite. È l'Amante che incoraggia gli uomini a rilassarsi nelle loro emozioni, a sentire le eruzioni spontanee che stanno accadendo nel loro corpo.

Un uomo in sintonia con il suo amante permetterà a se stesso di provare felicità e dolore, di innamorarsi e perseguire una libertà senza limiti o paura. Questo è, secondo Moore, l'archetipo più represso in Occidente.

0_IL_n7Hj3lf7RuC64.jpg

Un uomo che accede all'archetipo del Re nella sua pienezza avrà anche accesso agli archetipi del Guerriero, del Mago e dell'Amante. Il re è un equilibrio degli altri archetipi; dirige e ordina queste immagini in modo che possa diventare un canale divino di bontà per coloro che lo circondano. È radicato e deciso, vive con integrità, fornisce l'ordine, protegge il suo regno, ispira la creatività negli altri, come fa anche il femminile, e benedice le vite di tutti coloro che lo hanno conosciuto.

La sede del re è il cuore. È un servitore del suo popolo, ma non serve i bisogni egoistici e folli della gente o la loro volontà, piuttosto serve uno scopo più alto. È Dio che pone il Re sul trono. E così, il re funge da messaggero divino e comandante terrestre delle vere parole dette da Dio. Lo scopo della regalità, quindi, è elevare gli altri archetipi alla maturità e alla pienezza. È questo proposito divino che gli consente di dominare e intrecciare i quattro angoli della mascolinità. Ma senza l'energia del Re, le altre tre colonne diventano deboli e fragili:

"In assenza di The King, il Warrior diventa un mercenario, il Mago diventa un sofista (capace di discutere qualsiasi posizione e non credendo in nessuno), e l'Amante diventa un tossicodipendente." - Robert Moore, King, Warrior, Mago, Lover: riscoprendo gli archetipi del maschile maturo

Nota anche che c'è un elemento significativo della femminilità nell'energia del re. Guarda qualsiasi rappresentazione della regalità, in particolare Gesù Cristo e Buddha, e vedi come sembrano ambigui in relazione al loro genere. Perché questi uomini sembrano donne? L'ideale più coerente all'interno delle mitologie è l'equilibrio tra il maschile e il femminile, la mente e il corpo, la coscienza e l'emozione - la totalità dell'universo stesso. E questo ideale si dimostra nell'immagine dell'antico re. Per il re è colui che mantiene una tenerezza aggressiva, un'umile intelligenza e una calma passione - è la via di mezzo tra gli eccessi.

0_1GfGa8u2cuMRFflA.jpg

Questa immagine del re è straordinariamente simile in molte culture, sia passate che presenti. I re degli anglo-sassoni, dei persiani e degli indiani erano tutti presentati come soldati temprati dalla battaglia e maestri creativi con la forza distruttiva della natura, ma erano anche considerati come sommi sacerdoti con antenati e nutritori divini della loro gente. Queste sono le caratteristiche di un re nella sua pienezza, colui che ha danzato con i quattro poli dell'essenza maschile.

U nfortunately, gli uomini oggi sono indulgere nelle ombre di questi archetipi. E così, la parola "tossico" è stata attribuita alla mascolinità. Ma se il mondo è avvelenato, non sorprende che anche gli uomini siano stati avvelenati. Non è la mascolinità che è tossica. Piuttosto, è l'espressione ombra della mascolinità che è tossica.

I bambini brutalizzati, nati da genitori crudeli o assenti, a cui non viene insegnato come affrontare il conflitto tra il loro inconscio e il loro emergente conscio diventeranno, in un modo o nell'altro, adulti brutali. Questi bambini maltrattati cresceranno, come scrive Moore, fondamentalmente insicuri. Non saranno in grado di esprimere maturatamente la propria mascolinità e non supereranno mai gli impulsi egoistici e egoistici del bambino, rimanendo preda delle ombre dell'anima - perché sono semplicemente ragazzi che fingono di essere uomini.

Uno che si identifica eccessivamente con l'amante diventerà un amante dipendente. Sarà un partner appiccicoso e co-dipendente che cerca costantemente la convalida o l'attenzione - il suo corpo potrebbe anche rotolare leggermente in avanti, quasi come se stesse cercando di raggiungere sua madre. Quest'uomo non ha integrato la pienezza del Guerriero, la forza per perseguire il suo scopo, nel suo personaggio.

In alternativa, un uomo che non è in contatto con l'amante sarà un amante impotente, uno che non è mai in grado di godersi la danza con il femminile. È privo della capacità di provare emozioni di qualsiasi tipo. Quest'uomo è troppo ristretto e teso, il suo viso può mostrare segni di tensione - il costante e costante inseguimento della sua occupazione lo ha logorato.

0_P7NLHfkD0Q-Ddjqq.jpg

L'eccesso di ombra del Mago è il manipolatore staccato. Useranno la loro intuizione e intelletto per il male, piuttosto che per il bene generale dell'ispirazione e dell'educazione. Questo tipo di ombra è particolarmente distruttivo quando viene coinvolto in relazioni romantiche poiché l'uomo o la donna, solitamente un uomo, proveranno a controllare l'altro usando tutti i tipi di schemi e trucchi. Ma si manifesta anche in lavori ad alta pressione come banchieri o politici in cui la concorrenza è dura.

D'altra parte, le persone che negano il Mago al loro interno sono o quelli che pensano di sapere tutto o quelli che fingono di non capire nulla. Il primo è sopprimere il mago a causa dell'insicurezza. Mentre il secondo tradisce il Mago in modo che possa adattarsi alla cultura che lo circonda.

Un uomo troppo coinvolto con il suo Guerriero si chiude dal calore della bellezza e dell'amore. Pensa solo con la logica e la teoria, affamando se stesso dell'esperienza della natura. Qui, l'amante è stato repressa. In alternativa, senza il Guerriero, l'uomo è impotente. Diventa troppo attaccato alla sua vulnerabilità e si rifiuta di affermarsi nel mondo. Quest'uomo si è perso nelle aspettative e nei desideri degli altri. Non sa come resistere per quello che vuole veramente.

E infine, chi si abbandona al Re diventa un tiranno. Perché un tiranno è colui che cerca di imporre la sua volontà contro tutto ciò che lo affronta. Il mondo può apparire a lui come una minaccia eterna e così, sarà costantemente in guardia contro il caos in arrivo, anche se non vi è alcuna causa o ragione.

Se un uomo soffoca il Re dentro di sé, si rifiuterà di prendere il controllo della sua vita, non si radicherà mai al momento presente, né abbraccerà i suoi veri doni e conoscenze. Altre persone saranno in grado di vedere la sua insincerità; vedono il suo immenso potenziale, vedono il suo potere, ma vedono anche come si rannicchia dietro agli altri e non accetta mai la responsabilità per il suo scopo.

0_Ae5QDCkkeFkzgZvY.jpg

Moore riteneva che entrambe le ombre, eccesso e negazione, fossero coordinate l'una con l'altra. È raro che un uomo sia governato dall'una e non dall'altra. Chi si identifica troppo fortemente con l'archetipo è sempre sovracompensato per una debolezza in se stesso che ha represso. Tuttavia, coloro che negano l'energia di solito ne hanno in quantità immense che rifiutano di ammettere. Sotto ogni tiranno spaccone c'è un Weakling spaventato. E sotto ogni tremante debole c'è un tiranno che aspetta di scoppiare in violenza.

...

L' ombra emerge dai traumi subiti durante l'infanzia. Queste ferite emotive gradualmente riveleranno la loro presenza durante l'adolescenza e poi rimarranno fissi nell'età adulta, decidendo spesso quale degli archetipi l'uomo crescerà per associarsi con la maggior parte.

...

Ovviamente, ciò che resistiamo persisterà. Se reprimiamo le nostre ferite nell'inconscio e le neghiamo dentro di noi, diventiamo vittime del possesso ombra. L'ombra anela a reintegrarsi nel tutto e quando sopprimiamo questa attrazione verso l'unità, invitiamo un maggiore dolore nelle vite. Questa è la premessa che è stata la base del lavoro di Carl Jung:

"Sfortunatamente non può esserci dubbio che l'uomo è, nel complesso, meno buono di quanto non immagina se stesso o vuole essere. Ognuno porta un'ombra e meno è incarnato nella vita cosciente dell'individuo, più è nero e denso. Se l'inferiorità è consapevole, si ha sempre la possibilità di correggerla. Inoltre, è costantemente in contatto con altri interessi, in modo che sia continuamente soggetto a modifiche. Ma se è represso e isolato dalla coscienza, non viene mai corretto. " Carl Jung, psicologia e religione

Ogni uomo, che lo ammetta o meno, sarà in grado di percepire uno o più degli archetipi ombra dentro di sé. È importante che non si senta disgustato da questo particolare aspetto di se stesso - non dovrebbe resistergli o sovracompensarlo fingendo di essere qualcuno che non è. L'energia che si sente non è mai sbagliata o giusta, è neutrale. Ma quando uno giudica e resiste all'energia, diventa perverso e senza messa a terra.

Per esempio, se uno resiste al suo Guerriero perché è arrivato a considerarsi un innocente e innocente spettatore, che è spesso il caso in cui uno è cresciuto con genitori iperprotettivi, allora il desiderio istintivo di imporre la sua volontà diventa tortuoso e pericoloso - lui ha giudicato la sua naturale aggressività come sinistra e immorale. Ma l'energia rimane dentro di lui, tranne che ora è diventata corrotta.

Quest'uomo, che ha represso il suo desiderio naturale, mostrerà di essere un passivo-aggressivo. Ma questa è una dichiarazione immatura e spesso distruttiva della mascolinità. Per raggiungere la pienezza, questa persona deve riallinearsi con il naturale desiderio maschile di spingersi nel mondo.

1_nsnCmDB1iK3CfBMmc23HBA.jpeg

Se non affrontiamo le ombre nella nostra psiche, saremo costretti ad affrontarli nel mondo esterno. Per evitare di proiettare il nostro male sugli altri, è necessario recuperare le ombre come le nostre.

Solo una volta che ci assumiamo la responsabilità delle nostre debolezze possiamo imparare a disinnescare il loro potenziale distruttivo. Quando l'ombra è integrata, sperimentiamo noi stessi come individui più ricchi e più potenti. Anche le persone nella nostra vita diventeranno meno repellenti e più umane.

...

Gli archetipi hanno un ruolo immenso nella vita di tutti gli individui. E se diventiamo consapevoli di questi schemi e dei simboli che manifestano, sperimentiamo un'espansione della coscienza. È nostra responsabilità prendere coscienza delle forze nascoste che premono sul nostro subconscio. Il nostro unico scopo è rivelare la luce negli angoli più bui del nostro essere.

In questo tempo di informazione e di risveglio, abbiamo l'opportunità di esaudire gli antichi desideri dentro di noi, per bilanciare il peso della civiltà con la nostra natura più primitiva. E riscoprendo gli archetipi dell'uomo e la saggezza dei nostri antenati, saremo in grado di sanare la salute e la reputazione della mascolinità.

Traduzione di Luca Mavi

Fonte:How To Exercise True Masculinity

 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy