La nuova Guerra Fredda non finirà presto

{fa-info-circle } Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

"La pagina della cooperazione con l'Occidente è stata chiusa. Ciò non significa che l'isolazionismo diventerà la norma, ma segna la fine di un importante capitolo nella storia delle relazioni politiche. Passeranno molti anni prima che le sanzioni vengano revocate e che i rapporti vengano ripristinati in modo graduale", scrive il politologo Fëdor Lukyanov. La sua analisi che volentieri pubblichiamo offre una lettura degli eventi in terra ucraina che aiuta a comprendere il punto di vista russo.

Kiev 56L'intervento militare della Russia in Ucraina segna la fine di un'epoca.  Quest’era è iniziata con la caduta dell'Unione Sovietica e la sua dissoluzione nel 1991, quando una struttura bipolare abbastanza stabile è stata sostituita da quello che alla fine è stato conosciuto come "Ordine mondiale liberale". Questo ha aperto la strada agli Stati Uniti e ai loro alleati verso un ruolo dominante nella politica internazionale incentrata sull'ideologia universalista.  

La crisi si è manifestata già molto tempo fa, anche se non ci sono state resistenze significative da parte delle grandi potenze rimaste insoddisfatte della loro posizione nel nuovo campo di gioco politico. In effetti, per un periodo piuttosto lungo (almeno un decennio e mezzo), non c'è stata praticamente alcuna opposizione. I paesi non occidentali, in particolare Cina e Russia, hanno compiuto degli sforzi per integrarsi nella gerarchia del potere. Pechino non solo ci è riuscita, ma ha anche sfruttato al meglio la situazione per prendere piede come giocatore dominante. Mosca, invece, che ne era uscita molto peggio, ha impiegato più tempo per adattarsi a questo nuovo ordine mondiale e consolidare un posto rispettabile all'interno delle sue fila.  

Il sistema si è rivelato essere allo stesso tempo rigido e instabile, poiché escludeva concettualmente qualsiasi equilibrio di potere. Cosa ancora più importante, inoltre, non consentiva un livello sufficiente di diversità culturale e politica, un aspetto intrinsecamente essenziale per il funzionamento sostenibile del mondo. Una visione del mondo uniforme, che escludeva tutte le altre, è stata imposta utilizzando vari mezzi, compresi gli atteggiamenti nei confronti dell'attività militare.  

L'operazione russa è un'immagine speculare di ciò che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno fatto più di una volta negli ultimi decenni in diverse parti del mondo. Secondo la leggenda, dopo la battaglia di Poltava nel 1709 lo zar Pietro il Grande brindava ai suoi "maestri svedesi". Ora, l'attuale leadership russa può anche dire di aver imparato molto dall'Occidente. Nelle azioni della Russia in Ucraina, è facile individuare alcuni degli elementi – dall'esercito all'informazione – che erano presenti nelle campagne americane e della NATO contro la Jugoslavia, l'Iraq e la Libia.  

La tensione è stata a lungo in ebollizione e l'Ucraina è ora diventata la prima linea decisiva. Questa non è una battaglia ideologica come quella a cui si è assistito nella seconda metà del Novecento. L'egemonia mondiale attualmente viene rimessa in discussione a favore di un modello molto più distribuito. Il vecchio concetto di "sfere di influenza" della Guerra Fredda non è più applicabile, perché il mondo è diventato molto più trasparente e interconnesso, rendendo possibile l'isolamento solo in misura limitata. Almeno, così abbiamo pensato - fino ad ora.  

Come spesso è accaduto in passato, la battaglia attuale si sta svolgendo per un territorio strategicamente importante. Il vecchio adagio "la storia si ripete" è evidente quando si passa da un mezzo di comunicazione all'altro. Si sono scontrati due diversi approcci. Da un lato, c'è l'esercizio dell'hard power classico, che è guidato da principi semplici, rozzi, ma chiaramente comprensibili: sangue e terra. Dall'altro lato, vi è invece un moderno metodo di promozione dei propri interessi e influenza, realizzato attraverso un insieme di strumenti ideologici, comunicativi ed economici, efficaci e allo stesso tempo flessibili - comunemente chiamati "valori".  

Dalla Guerra Fredda, il più moderno di questi approcci è stato quasi sempre il metodo di riferimento. Chiamiamola con il suo nome più elegante, ma impreciso, "guerra ibrida". Nella maggior parte dei casi, questo metodo non ha mai incontrato una seria resistenza, per non parlare di uno scontro armato diretto. L'Ucraina 2022 è il test decisivo che dimostrerà quale di questi approcci regnerà vittorioso. In questo senso, hanno ragione coloro che sospettano che le conseguenze potrebbero essere molto più profonde di quanto si pensi.  

La leadership russa, che ha deciso di compiere dei passi estremamente drastici, probabilmente ne ha compreso le conseguenze, o addirittura le ha consapevolmente perseguite. La pagina della cooperazione con l'Occidente è stata chiusa. Ciò non significa che l'isolazionismo diventerà la norma, ma segna la fine di un importante capitolo nella storia delle relazioni politiche. La nuova Guerra Fredda non finirà presto.  

Tra qualche tempo, molto probabilmente gli effetti di questa operazione militare cominceranno a placarsi, e alcune forme di interazione riprenderanno, ma la linea è inevitabilmente tracciata. Anche in uno scenario favorevole, passeranno molti anni prima che le sanzioni vengano revocate e che i rapporti vengano ripristinati in modo graduale e selettivo. La ristrutturazione delle priorità economiche richiederà un approccio diverso, che stimolerà lo sviluppo di alcune modalità e in altri casi lo rallenterà. La parte più attiva della società russa dovrà rendersi conto che il loro vecchio modo di vivere è scomparso, poiché la Russia ha deciso di mettere alla prova la sua forza e, allo stesso tempo, è diventata un agente di cambiamento fondamentale per il mondo intero. 


Lukyanov FyodorFëdor Lukyanov, giornalista e politologo dirige Russia in Global Affairs, una piattaforma di scienza politica pubblicata in lingua russa e inglese e dedicata al confronto a livello internazionale delle analisi geopolitiche sulle relazioni tra i paesi. Lukyanov è anche presidente del Presidium of the Council on Foreign and Defense Policy e direttore della ricerca del Valdai International Discussion Club.

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Anmelden



Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31