Il capolavoro è la Festa della Donna perché dura solo un giorno

L'8 Marzo 2022 sarà ancora il teatro delle beffe? La Giornata internazionale della donna ricorre l'8 marzo di ogni anno in ogni parte del mondo per "ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto". Ma il giorno dopo in tutto il mondo la si dimentica.

In altri tempi e con altre altre tempre

Il 26 agosto del 1910, sette anni prima dell’inizio della Rivoluzione Russa, la marxista tedesca Clara Zetkin propose al Secondo Congresso Internazionale delle Donne Socialiste a Copenhagen che ogni anno si tenesse una Giornata Internazionale della Donna. Scelsero l’8 marzo per commemorare la “Rivoluzione di Marzo” del 1848 in Europa, quando le monarchie furono costrette ad accettare nominalmente il suffragio universale.

Dal 1911 in poi furono le donne socialiste che tennero marce e dimostrazioni l’8 marzo come parte della loro campagna prima per l’emancipazione e poi – dopo il 1914 – per la fine della guerra. Subirono repressioni terribili, più aspre forse che nell’impero zarista. Non le fermarono.

Quando l’intero comitato editoriale del Rabonitsa (“La donna lavoratrice”) fu arrestato prima della manifestazione dell’8 marzo 1914, Anna Elizarova – la sorella di Lenin – riunì in fretta e furia alcune compagne, produsse il giornale e ne curò la distribuzione di 12.000 copie quel giorno. Per quelle donne socialiste, la Giornata Internazionale della Donna era una potente rampogna contro la brutalità della guerra e l’indegnità della patriarchia. Nel mezzo degli eventi del 1917 Ekaterina Pavlovna Tarasova, un’organizzatrice bolscevica, ricorda che una lavoratrice le disse: “Non eravamo nulla e siamo diventate tutto. Costruiremo un mondo nuovo e migliore”.

WomensDay3

Clara Zetkin e le sue compagne al Secondo Congresso Mondiale delle Donne Comuniste, Mosca, 1921
 

 mimosa e  prima voltaL’UDI (Unione Donne Italiane) preparando il primo “8 marzo” del Dopoguerra, si pose il problema di trovare un fiore che potesse caratterizzare questa Giornata femminile.

Mimosa perché

La scelta cadde sui bellissimi fiori gialli che fiorivano proprio in quel periodo ed erano di facile reperibilità, inoltre il loro colore giallo era quello che meglio esprimeva vitalità e gioia. Si trattava della mimosa che da allora divenne il fiore simbolo delle donne e dell’8 marzo.

L’acacia appartiene alla famiglia delle mimosacee originaria dell’America del Sud. Il fiore giallo, che incarna il passaggio dalla morte alla vita, ricorda la rivoluzione di tutte quelle donne che si sacrificarono per rinascere in un mondo giusto.

Le origini della festa dell’8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, le operaie dell’industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l’8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Allo stabilimento venne appiccato il fuoco e le 129 operaie prigioniere all’interno morirono arse dalle fiamme.

  

telobuco

 
Al tempo d'oggi è una festa o una farsa?
 
La Giornata internazionale della donna ricorre l'8 marzo di ogni anno in ogni parte del mondo per "ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto". Ma come viene vissuta?
Vista dall'Italia e da Milano in particolare, l'agenda della giornata dell'8 Marzo 2022 è così affollata che di certo ci perderemo qualcosa.  
La Festa è entrata nel vivo già dal 7 marzo al "Palazzo del cinema" ovvero meno pomposamente al cinema Anteo di piazza XXV Aprile con un incontro con la giornalista e attivista Masih Alinejad sull'accativante argomento  "di milioni di donne iraniane che si ribellano all'imposizione dello hijab". Per introdurre la proiezione del film "Be my voice" di Nahid Persson, documentario sulla sua battaglia civile.
E l'ingresso è gratuito per le socie della Casa delle Donne di Milano, mostrando la tessera 2022.

La Casa delle Donne di Milano organizza per mercoledì 9 marzo alle 18 una diretta Instagram con Vera Gheno, sociolinguista, saggista e traduttrice che dialogherà con Lorena Bruno sull'evoluzione del dibattito sulla lingua per riflettere sulle "dissimmetrie grammaticali" e sulla questione di genere.

Alla Casa della Cultura è in programma l'8 marzo alle 16 l'incontro "Donne immigrate e reti di solidarietà a Milano", organizzato in collaborazione con l'Università Bicocca: si discuterà sulla ricerca riguardante la vita di un gruppo di donne immigrate, con intermezzi musicali a cura di Maria Vittoria Jedlowski. 

 L'Università Statale per l'occasione ha preparato una due giorni di eventi online e in presenza il 7 e l'8 marzo: l'appuntamento più atteso è l'incontro in programma lunedì 7 marzo alle 16.30, trasmesso in diretta sul canale Youtube dell'ateneo con la partecipazione di studiose, delegate rettorali ed esponenti politiche per un confronto su strategie e azioni messe in campo a livello universitario, cittadino, italiano ed europeo al fine di raggiungere una reale parità di genere nella vita personale come in quella lavorativa. Ospite di riguardo ospiti Elena Bonetti, ministra per le Pari opportunità e la famiglia.

 Il Libraccio, dall'8 all'11 marzo trasmetterà sul proprio canale Instagram undici incontri in cui scrittrici, scrittori e influencer parleranno di grassofobia, razzismo, transizione e transfobia, sex work, femminismo e mascolinità tossica.

 Il Municipio 3 celebra l'8 marzo inaugurando un ciclo di incontri e iniziative sui temi della parità delle donne intitolato "A passo di donna - energie per il cambiamento". Il primo incontro è l'8 marzo alle 18,30 sul tema "Femminismi tra passato e presente", con Maria Arena e Fiorella Imprenti, all'Auditorium Stefano Cerri, in via Valvassori Peroni al 56. Altri due incontri a marzo, il 18 marzo su donne e lavoro e il 25 marzo sulla Città delle donne, cioè sull'organizzazione territoriale che tenga conto anche delle specifiche esigenze femminili.

 Lunedì 7 Marzo alle 21 il Municipio 7 organizza "Torniamo a casa da sole", una camminata femminile solidale per la sicurezza delle donne.

 Il Gruppo regionale del Pd lunedì 7 marzo l'incontro coordinato dalla consigliera Paola Bocci titolo emblematico "Il lavoro delle donne: dalla pandemia alla ripresa".

 La Libera Università delle Donne consiglia una visita all'installazione "Abagnomaria", realizzata sulla passerella del Parco Nord dalle 9 alle 18 fino al 13 marzo, e inaugurazione ufficiale l'8 marzo alle 11.30. L'installazione è curata da Fondazione Brambilla Pisoni Onlus in collaborazione con varie realtà tra cui Anpi Bresso e con l'ideazione artistica di Donoma deve il nome a Maria la Giudea, l'inventrice della tecnica di cottura che sfrutta il calore dell'ebollizione dell'acqua.

Milano Prossima organizza il 10 marzo alle 21 allo Spazio Ligera di via Padova 133 "10 marzo 1946, il giorno in cui diventammo cittadine" per parlare di voto alle donne e diritti.

Abatelli Marino Le attiviste di Non Una di Meno hanno indetto uno "sciopero globale transfemminista" che sarà anche contro la guerra. Oltre allo "sciopero produttivo e riproduttivo" di 24 ore, sono due gli appuntamenti principali in città, accomunati dallo slogan "#Lottomarzo contro la violenza maschile sulle donne e di genere": alle 9,30 si terrà il corteo studentesco, mentre alle 18 ne partirà un altro aperto a tutti da piazza Duca d'Aosta. Con l'obiettivo di ribadire il no alla violenza in tutte le sue forme e il sostegno a chi ne è vittima, dalle donne abusate e intrappolate in relazioni tossiche a chi è discriminato per le proprie condizioni fisiche o per le proprie convinzioni. "Se ti picchia, ti insulta, ti controlla non sei sola. Se prendi il 20% in meno di un collega o ti fanno mobbing, non sei sola. Se il carico di lavoro domestico e di cura è insostenibile, non sei sola. Se dopo il coming out subisci minacce e ricatti, non sei sola. Se subisci il ricatto del permesso di soggiorno, della cittadinanza, se il tuo colore di pelle è motivo di discriminazione, non sei sola. Se la città, la scuola, il pub, il tuo luogo di lavoro sono barriere per il tuo movimento libero e indipendente, non sei sola"
 
 La Cgil, Cisl e Uil di Milano dedicano la Giornata internazionale della donna alla lotta contro gli stereotipi di genere, organizzando il concorso 'C'era una svolta', rivolto alle scuole primarie di Milano e della Città Metropolitana. Le scuole che presenteranno il miglior progetto destinato a combattere gli stereotipi di genere nel linguaggio, riceveranno un premio di 3mila euro per l'acquisto di materiale didattico.
I progetti delle scuole dovranno essere presentati entro il prossimo 31 gennaio e la premiazione avverrà l'8 marzo 2023.

Palazzo Reale è possibile visitare la grande mostra dedicata all'immagine della donna nel Cinquecento nella pittura del maestro Tiziano e l'esposizione fotografica inaugurata qualche giorno fa nelle Sale degli Arazzi, con i ritratti delle direttrici dei musei italiani fotografate da Gerald Bruneau. 

 La Pinacoteca di Brera e il Cenacolo Vinciano hanno aderito all'iniziativa promossa dal Ministero dei Beni Culturali per l'8 marzo: l'ingresso al museo è gratuito per le donne (consigliata la prenotazione).

  L'8 Marzo alle Gallerie d'Italia, dalle 17 alle 18, visita guidata 'Le viaggiatrici del Grand Tour' con uno sguardo alle donne che hanno viaggiato nel Bel Paese e che hanno lasciato come testimonianza diari di viaggio, poesie, ritratti.

 Alla Pinacoteca Ambrosiana, l'8 e il 13 marzo alle 15,30 è in programma un tour dedicato alle donne ma aperto a tutti coloro che vogliono riscoprire i capolavori della Pinacoteca, fra cui sono presenti moltissimi ritratti femminili: madri, sante, peccatrici, figlie, duchesse, vedove, ognuna con una sua storia

 Il Museo archeologico organizza il webinar online 'Augusto e le sue donne', mercoledì 9 marzo alle 21, per far conoscere le donne presenti nel museo: sia quelle silenziose e senza nome che si possono immaginare dietro al corredo o agli oggetti da loro utilizzati, sia quelle più note e parlanti che sono state ritratte ma anche raccontate dagli storici antichi.

 Dal 5 all'8 Marzo lo Spazio d'Arte Scoglio di Quarto ospita la mostra "Cento artiste solidali con le donne afghane", con le opere di cento e più donne fra artiste, poetesse, fotografe e storiche dell'arte di diverse età, provenienza e formazione. In mostra più di cento "tondi" d'arte per ridare un volto alle donne afghane.

 L'artista Andi Kacziba inaugura alla Galleria Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, la mostra "Prendi il mio cuore" curata da Raffaella De Chirico. Una parafrasi della poesia di Saffo ''Prendi il mio cuore e portami lontano'', un'occasione per dar voce alle donne e fare il punto, attraverso una serie di sculture e performance, sulla violenza di genere e il gender gap di cui le donne sono state vittime anche durante la pandemia.

 A Casa Emergency, dall'8 al 20 Marzo c'è la mostra fotografica 'Fear of Beauty' con i ritratti di donne di generazioni diverse nella loro quotidianità: qualcuna suona, qualcuna scatta fotografie, qualcun'altra lava le stoviglie o viene ritratta mentre sta imparando ad andare in bicicletta. L'esposizione, ideata da Carla Pessina in collaborazione con l'Associazione donne fotografe, presenta le opere di cinque fotografe afghane, Mariam Alimi, Roya Heydari, Fatimah Hossaini, Zahara Khodadadi e Najiba Noori. Artiste che hanno lasciato il loro Paese per poter continuare a inseguire la passione e l'arte.

 Ai musei civici potrebbe(?) non essere garantita l'apertura regolare delle mostre, a causa dell'adesione del personale allo sciopero generale nazionale: infatti l'8 marzo di Milano quest'anno più di sempre sarà una giornata di rivendicazione dei diritti, delle donne e non solo.

A Palazzo Pirelli il progetto Onco Hair, iniziativa per donare i capelli alle donne che stanno affrontando la chemioterapia per carcinoma alla mammella, promosso dall'Associazione per il Policlinico Onlus, da Fondazione Cariplo e da CRLAB. A un anno dal lancio dell'iniziativa, le venticinque protagoniste hanno raccontato la loro esperienza, spiegando quanto indossare la protesi tricologica Cnc (capelli naturali a contatto) sia di grande supporto nella battaglia contro la malattia. Soprattutto per ricordare l'impegno di Regione Lombardia verso le donne che affrontano il carcinoma mammario ed è stata soprattutto Simona Tironi, vicepresidente della commissione Sanità e promotrice dell'iniziativa. a raccontare: "La nostra Regione è un'eccellenza nella cura oncologica grazie anche alla Rete Oncologica Lombarda, un sistema di accessi diffusi sul territorio che consente al cittadino di entrare nei percorsi di cura direttamente nel proprio luogo di residenza. Avendo potuto riscontrare l'utilità per le pazienti chemioterapiche della protesi capillizia, mi sono fin da subito adoperata affinché sia resa accessibile a quante più persone possibili, perché si tratta di uno strumento innovativo in grado di ridare la giusta dignità alla donna".

Per gli amanti del teatro al Cam (Centro di aggregazione multifunzionale) di corso Garibaldi 27 alle 17 va in scena "Woman", una performance contro la violenza di genere organizzata da Ebano onlus in collaborazione con il Municipio 1.
Al Carcano è invece in cartellone alle 19 "Storia di un'amicizia", spettacolo tratto dalla tetralogia di romanzi "L'amica geniale" di Elena Ferrante che racconta il rapporto tra due donne seguendo passo per passo la loro crescita individuale.
Lo Zelig per l'occasione ospita una serata tutta al femminile: a partire dalle 21,15, saliranno sul palco le comiche Cinzia Marseglia, Federica Ferrero e Lily Le Ludique.
 
Per i cinefili il Mic propone la rassegna "Le nostre attrici", che vuole rendere omaggio alle donne del boom economico attraverso sei film d'archivio: Ornella Muti, Stefania Sandrelli, Sandra Milo, Marina Vlady, Lisa Gastoni e Giulietta Masina sono le protagoniste. 
La Casa degli Artisti celebra l'8 marzo ricordando Pippa Bacca, l'artista assassinata nel 2008 durante una performance itinerante, mentre stava facendo un viaggio in autostop indossando un abito da sposa: la sua storia è tra quelle raccontate nel libro "La bellezza salverà il mondo" e verrà letta alle 11 nel giardino a lei dedicato, alla presenza dei suoi familiari.
L'8 Marzo il Cinemino aderisce alla fiaccolata cinematografica in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, alle 21 la proiezione di A thousand girls like me, documentario di Sahra Mani in contemporanea con 14 sale cinematografiche italiane. Al termine del film, in tutte le sale, sarà proiettato il dibattito live con la regista. 
Le proiezioni di martedì saranno precedute dai cortometraggi di Alice Guy-Blanché (1873-1968) la prima donna nella storia a girare un film. Ma prenotazioni e tessera obbligatorio sul sito del Cinemino

Cascina Merlata, nell'ambito dell'iniziativa "Cascina in Rosa" che proseguirà fino al 13 Marzo, dall'8 al 10 Marzo vengono offerte a tutte le donne visite gratuite per sensibilizzarle sull'importanza della prevenzione: sono disponibili lo screening dei nei, quello cardiologico e quello per l'osteoporosi.

 Qualche chef celebra la Festa della Donna: Filippo La Mantia preparerà i piatti contenuti nella speciale dinner box che verrà recapitata a tutti i partecipanti milanesi alla cena di gala virtuale organizzata su Zoom dalla onlus Gomitolorosa per sostenere un progetto di lanaterapia a favore dei pazienti di Alzheimer e dei loro caregiver. Ed Ernst Knam ha realizzato per la vetrina della sua pasticceria la maxi scultura di cioccolato fondente CioccoMimosa, un omaggio destinato a tutte le donne.

 Milanosport organizza una iniziativa alla piscina Cozzi: le donne maggiorenni hanno la possibilità - con prenotazione obbligatoria esclusivamente online - di accedere gratuitamente alla piattaforma tuffi con altezza 5 metri per scattare una foto che avrà come sfondo la vasca e l'opera 'Be water' di Toiletpaper Magazine. Si possono effettuare prenotazioni per un massimo di 4 persone e fino a esaurimento posti.

Grazie Milano!

Pin It

Mai riuscito a rispondere compiutamente alle uniche importanti domande della vita: “quanto costa?”, “quanto ci guadagno?”. Quindi “so e non so perché lo faccio …” ma lo devo fare perché sono curioso. Assecondami.

© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31