Sarebbero piaciute a Fellini le registe tedesche che la Berlinale riscopre

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

La Retrospettiva del 69 ° Festival Internazionale del Cinema di Berlino ha come soggetto donne registe tra il 1968 e il 1999. Il programma comprende 26 elementi narrativi e documentari dell'ex Germania dell'Est e dell'Ovest, così come film tedeschi dopo la riunificazione nel 1990.

Ciò che le registe e i loro protagonisti hanno in comune è l'interesse ad esplorare il proprio ambiente e la ricerca del proprio linguaggio cinematografico. Certamente avrebbero ricevuto il plauso del Federico Fellini de “la Strada”.

 Nella Germania occidentale, questa tendenza è stata incorporata nel movimento studentesco del 1968, e strettamente legato al nuovo movimento delle donne e all'ondata del New German Cinema. Nella Germania dell'Est, al contrario, tutti i film sono stati realizzati all'interno del sistema di studio controllato dallo Stato. Quello studio, DEFA, ha dato a poche donne la possibilità di dirigere già negli anni Cinquanta. E di norma le venivano affidate sceneggiature inerenti ai ai film per bambini. Verso la fine degli anni Sessanta, la vita quotidiana nel paese socialista divenne il tema principe delle donne registe della Germania dell'Est.

 berlinale5"Grazie a quegli attivisti, tra cui registi impegnati come Helke Sander, Ula Stöckl e Jutta Brückner, le registe donne si sono evolute sorretta dalla fiducia sulle proprie capacità. Il bisogno di uguaglianza di genere nell'industria cinematografica è un argomento di attualità anche oggi ", sottolinea Dieter Kosslick, direttore della Berlinale.

 La retrospettiva imminente curata dalla Deutsche Kinemathek spazia dal primo grande successo teatrale di Zur Spais, Schätzchen (Go for It, Baby, FRG, 1968) al documentario Mit Haut und Haar (With Skin and Hair, GER, 1999), in cui Martina Döcker e Crescentia Dünßer tracciano i ricordi di sei donne nate prima o durante l'era di Weimar. Si affiancono ad essa le severe rappresentazioni della vita quotidiana di Unter dem Pflaster ist der Strand di Helma Sanders-Brahms, oppure il celebre Peppermint Frieden di Marianne Rosenbaum (una scena nella foto sopra)..  La maggior parte dei film può essere classificata come opere d'autore; le registe hanno spaziano su come le donne si gestiscono il sentimentale, la vita quotidiana, il lavoro. I film coprono una varietà di generi cinematografici: dal lavoro animato, saggistico e sperimentale, alle narrative e ai documentari tradizionali. Buona visione.

 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/218
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Log in



cover Massima Depero copy