La comunità europea e l'ambiente

{fa-info-circle } Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

Nel 1972, di fronte alle nuove emergenze ambientali, in occasione di una riunione di Capi di Stato fu riconosciuta l'urgenza di istituire delle regole comuni in materia ambientale: da allora sono entrate in vigore più di 200 disposizioni legislative comunitarie sull'argomento.

Questi primi atti erano finalizzati per lo più al controllo e all’etichettatura di sostanze chimiche e pericolose, alla protezione delle acque di superficie, nonché al monitoraggio degli agenti inquinanti.

Tale embrione di politica ambientale fu portato avanti facendo appello all’art. 235 del Trattato Comunitario, che conferisce poteri d’azione alla Comunità in casi non previsti dal trattato stesso.

Le prime fasi della politica ambientale sono, quindi, caratterizzati da un approccio di tipo verticale, consistente, cioè, nell'adozione di singoli interventi settoriali; essa, se da una parte, segna i primi successi nel controllo dei fenomeni di inquinamento e contribuisce ad avviare un dibattito ed un interesse, che saranno via via crescenti negli anni successivi, ha difatti offerto risposte solo parziali ai problemi esistenti.

La graduale integrazione della questione ambientale nel complesso delle politiche sociali ed economiche dell'Unione diventa chiaramente l’unico sentiero da seguire per perseguire uno sviluppo durevole e sostenibile.

 

Le tappe della politica ambientale UE descritte nel saggio della Dott.ssa Carolina Tagliafierro

pdfPolitica UE Ambiente379.76 KB

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Log in



Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31