I Dossier di Berlin89ass logo

CONVIVERE CON LA BOMBA

Perché no? Potrebbe essere anche un gesto estremo di disperazione, il lancio di un missile a testata nucleare nei cieli d'Europa.

Soltanto l'ipotesi che possa accadere nel corso del conflitto in Ucraina, ha scatenato il terrore, poiché l’Atomica non è soltanto "la bomba", bensì è  l’espressione di un potere mai visto prima nella storia: il potere nucleare, capace di porre fine alla storia stessa, ponendo fine all’umanità.

Se una simile paura nucleare fosse divampata cinquanta o sessanta anni fa, si sarebbe ammantata della solennità dello scontro ideologico.
Al contrario oggi, è la verità ad essere sommersa dai cumuli di parole, dai concetti insensati, da una miseria di motivazioni.

Poche sono le marce della pace e quasi sempre con i partecipanti in numero ridotto, proprio mentre la minaccia nucleare ha raggiunto livelli critici.

Perché l’opposizione è in disfacimento?

Perché l'accanimento interpretativo e di obbligo all’ortodossia è diventato nel mondo contemporaneo la nuova realtà?  Quali sono gli effetti dell’ indottrinamento forzato?  A chi giova?

Questo dossier prova a rispondere, soffermandosi dove altro tirano dritto.

 


Come manipolare le redini mentali delle genti per portarle nella direzione voluta

Nuclear war/ Image Tania Schwartz Bron

La paura nucleare e l'effetto che fa

di Andrea Zhok

Un tempo, quando avevamo a che fare con fatti violenti, ad esempio un omicidio in città, eravamo soliti attendere gli accertamenti della magistratura, e finché questi non erano avvenuti i giornali nominavano i possibili colpevoli con espressioni tipo “l’indagato”, “il presunto sospetto”, ecc. per evitare colpevolizzazioni precoci. Oggi  davanti a un mucchio di morti nel contesto bellico di un paese straniero il giorno stesso dell’annuncio per la stampa internazionale era tutto chiaro e inchiodato ad un’unica versione possibile: autori, modalità, identità delle vittime, motivazioni. Qualche immagine, sezione istantanea del reale, è stata presentata come parte evidente di una storia già pronta.

Freddo, carestie, radiazioni ed estinzioni di massa

di Berlin89

C’è molto da comprendere - se c'è ancora tempo - ma è importante conoscere i due fronti della grande strategia USA-NATO per capire perché il Cremlino si considera minacciato, perché ha agito come ha fatto, e perché questa guerra per procura è così pericolosa per tutto il mondo. Infatti, anche se il numero delle armi nucleari è limitato, la cosiddetta "modernizzazione" dell'arsenale nucleare, in particolare da parte degli Stati Uniti, è progettata per rendere pensabile una strategia di controforza, il che significa poter condurre un attacco nucleare preventivo, che ha come scopo il disarmo dell’ avversario distruggendo le sue armi nucleari prima che possano essere lanciate.

Stephan Bandera

Ne uccide più il video che il drone

di Thierry Meyssan

La guerra in Ucraina indigna l’opinione pubblica occidentale, che si mobilita per soccorrere gli ucraini in fuga. Nessuno lo mette in discussione: il dittatore Putin non tollera la nuova democrazia ucraina. Come in ogni altro conflitto, ci spiegano che noi siamo i buoni: i cattivi sono gli altri.

La nostra reazione è quella di persone che la propaganda di guerra può ingannare perché dimentiche dei precedenti confitti e perché non conoscono nulla dell’Ucraina. Quindi raccontiamola dal principio. 
CHI HA COMINCIATO? Su questo punto non c’è prova fotografica: otto anni fa gli Stati Uniti organizzarono un cambiamento di regime a Kiev, aiutati da gruppuscoli armati, costituiti da persone che si definiscono «nazionalisti».
Maschera

Tra censure e bugie svanisce la libertà

di Berlin89

Stesso manicheismo, stessa censura, stessa martellante propaganda “per la parte giusta”, stessa creazione di un'opinione pubblica a molla che reagisce pavlovianamente con strabuzzamenti d'occhi e sdegni emotivi.

Ora, diciamo una cosa semplice e, spero, chiara.

Nei sistemi formalmente democratici il potere passa attraverso il dominio dell'opinione pubblica. Idealmente in un sistema di pluralismo dell'informazione, della ricerca, del dibattito pubblico l'opinione pubblica dovrebbe formarsi liberamente e approssimare il vero attraverso la ragione dialettica.

Russi

Noi russi che stiamo capovolgendo il mondo

di Fëdor Lukyanov

"La pagina della cooperazione con l'Occidente è stata chiusa. Ciò non significa che l'isolazionismo diventerà la norma, ma segna la fine di un importante capitolo nella storia delle relazioni politiche. Passeranno molti anni prima che le sanzioni vengano revocate e che i rapporti vengano ripristinati in modo graduale", scrive il politologo Fëdor Lukyanov.

L'intervento militare della Russia in Ucraina segna la fine di un'epoca, iniziata con la caduta dell'Unione Sovietica e la sua dissoluzione nel 1991, quando una struttura bipolare abbastanza stabile è stata sostituita da quello che alla fine è stato conosciuto come "Ordine mondiale liberale".

Il conflitto ucraino è una guerra tra pezzenti

di Vincenzo Maddaloni

Occhio alle minoranze d’Europa perché in questa crisi ucraina diventano di un’importanza cruciale. Fino al 2003 quando l’Ue era di 15 Stati esse raggiungevano i 20 milioni di persone, il 5 per cento della popolazione. Con l’Europa dei 28 sono 42 milioni, e rappresentano l’ 9,37 per cento dei 448 milioni di cittadini europei.

Ma è nelle repubbliche baltiche, che le minoranze hanno un peso numerico - un milione di cittadini di etnia russa o che parlano come prima lingua quella russa - determinante per gli equilibri politici.


Ammettere gli errori sarebbe un contributo non irrilevante alla pace che si dichiara di volere
di Paolo Molina

Quando la politica sponsorizza la fabbrica del falso

di Paolo Molina
Certo è giusto e valido, nel sapore della democrazia avanzata, preferire il soccorso umanitario all’invio delle armi a uno dei contendenti per una causa ingiusta, o di cercare di bloccare l’allargamento a Est di Nato e Ue, o di scendere in piazza in difesa della pace senza se e senza ma, o inginocchiarsi e pregare con il Papa (il solo e unico) che cita l’art. 11 della nostra Costituzione, o invocare soluzioni diplomatiche e la mediazione di terze parti che vogliono dilazionare lo scontro per trarne maggior vantaggio alla fine.
 
Non è certo il caso di fare gli schizzinosi, visto il vento che soffia.
Tutto è meglio della corsa all’abisso salutata, come nel 1914, o dal plauso prezzolato dei media, dall’orgia delle fake news e dai cori incoscienti sui balconi.
Muro di Berlino di Astrid Henn

Chi volle il muro di Berlino? Un esempio di disinformazione epocale

di William Blum

È stato nel periodo dopo la riunificazione che è nato un nuovo proverbio: “Tutto quello che i comunisti hanno detto sul comunismo e’ una bugia, ma tutto quello che hanno detto sul capitalismo si e’ rivelato vero.” Nel 1961, i comunisti di Berlino Est costruirono un muro per impedire ai loro cittadini oppressi di scappare a Berlino Ovest e alla libertà. Perché? Perché ai comunisti non piace che la gente sia libera e impari la “verità”. Che altro tipo di ragione poteva esserci?

Una precisazione, prima della costruzione del muro nel 1961, migliaia di tedeschi dell’est si recavano a Ovest per lavoro ogni giorno e poi rientravano in casa alla sera, altri andavano avanti e indietro per fare delle compere o per altre ragioni. Per cui chiaramente non erano trattenuti ad est contro la propria volontà. Ma allora perché è stato costruito il muro?

Guerra chimica

I MuroControMuro. Due millenni di memoria Europea

di Berlin89

Proponiamo questo video che mostra alcuni dei passaggi cruciali che attraversano duemila anni della storia d'Europa, conquiste e sofferenze di popoli.

Gli imperi nascono e si sbriciolano, le invasioni attraversano il continente europeo, e i confini dei paesi moderni cominciano lentamente a prendere forma in un scenario drammatico quasi permanente.

  • 146 AC - Un anno di conquista
  • 117 DC - L'IMPERO ROMANOall'apice
  • 370 – L'IMPERO s'inguaia e poi si scuote
  • 1241 – Compaiono i Mongoli
  • 1362 – La Lituania del tempo che fu
  • 1648 - La KLEINSTAATEREI
  • 1919 - L'Impero Ottomano
  • 1942 – Il Muro è' il CASTIGO della GERMANIA
  • 1991 – L'Implosione dell'URSS

 

B-2 Sspirit

In alto nei cieli i bombardieri USA B2 . In basso c'è l'Europa.

di Paolo Molina
È l’aereo più caro del mondo il cui costo ha superato i 2 miliardi di dollari, ma è il più avanzato aereo Usa da attacco nucleare. Ciascun velivolo può trasportare 16 bombe termonucleari B-61 o B-83, con una potenza massima complessiva equivalente a oltre 1.200 bombe di Hiroshima.

Si dice che la Guerra Fredda sia finita e la NATO ha vinto così come la democrazia liberale, la libertà individuale, il libero mercato. Alcune voci interpretano le crescenti tensioni con la Russia come una nuova Guerra Fredda: è una possibile interpretazione.

La Russia oggi però non ha né le capacità militari né quelle economiche per poter confrontarsi con la NATO.
Il ricorso a mezzi e strumenti ibridi, inclusa la disinformazione via internet, ne sono la prova: la Russia non può competere su altri piani.
Se le tensioni tra USA e Occidente più in generale, e Cina dall'altra si tradurranno in un'altra Guerra fredda è difficile da dire nè chi nel tempo ne beneficerebbe.
Amur

Si chiama Amur l'ombrello che protegge Mosca

di Paolo Molina
La comparsa dell’Amur è associata a un curioso conflitto diplomatico.
Nel 1970, URSS e Stati Uniti avevano accumulato abbastanza testate nucleari in grado di distruggere se stesse esse ed il resto del mondo più volte, ed allo stesso tempo avevano realizzato la propria difesa contro i missili nemici. Secondo questa logica di guerra si capì che la difesa antimissile aumentava paradossalmente il rischio di guerra nucleare. Questo perchè un paese con difesa antimissile ha incentivo ad effettuare un attacco preventivo sull’arsenale nucleare del nemico: meno può lanciare missili in risposta, maggiore è l’efficacia della difesa missilistica.
C'è anche da dire che, i sistemi di intercettazione missilistica minano la dottrina della distruzione reciproca garantita, vale a dire, il freno principale alla Terza Guerra Mondiale.
Per questo, Mosca e Washington conclusero un accordo sulla limitazione dei sistemi di difesa antimissile, presto abbandonato dagli Stati Uniti.
Putin

Gli Stati Uniti sono i primi responsabili del disastro

di Isaac Chotiner

Il politologo John Mearsheimer è uno dei più famosi critici della politica estera americana dalla fine della Guerra Fredda. Sicuramente conosciuto come autore del libro che ha scritto con Stephen Walt, "The Israel Lobby and US Foreign Policy", Mearsheimer è un sostenitore della politica delle grandi potenze, una scuola di relazioni internazionali realistiche che presume che, in un tentativo egoistico di preservare la sicurezza nazionale, gli stati agiranno in via preventiva per anticipare gli avversari. Per anni, Mearsheimer ha sostenuto che gli Stati Uniti, spingendo per espandere la Nato verso est e stabilendo relazioni amichevoli con l'Ucraina, hanno aumentato le probabilità di una guerra tra potenze nucleari e hanno gettato le basi per la posizione aggressiva di Vladimir Putin nei confronti dell'Ucraina. Infatti, nel 2014, dopo che la Russia ha annesso la Crimea, Mearsheimer ha scritto che "gli Stati Uniti e i loro alleati europei condividono la maggior parte della responsabilità per questa crisi".  

 


  

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

Informative

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31