I Dossier di Berlin89ass logo

Inno al corpo del futuro


Il Covid-19 ha creato una realtà nella quale, la limitazione del contagio viene imposta attraverso uno stato di semi-isolamento. Il confino spaziale utile ad impedire il contagio si è tramutato in una sensazione di impotenza perché non c’è cosa, così come non c’è affetto che, non si possa comunicare e apprendere con il corpo. E dunque il corpo esercita innanzitutto, come ha scritto il naturalista francese Jacques Tassin, «una forma di sfiducia nei confronti di qualsiasi pelle che non sia la nostra». In mezzo c’è l’industria farmaceutica, il marchingegno economico-politico che dalla metà del 19° secolo governa il pianeta terra, con regole e leggi che non sono affatto per la salvaguardia dei diritti e della dignità dei e dei suoi abitanti.

Pertanto la salute del corpo, il proprio e quello degli altri, condiziona il futuro dell'umanità . Quali saranno gli effetti veri di questa nuova e perciò ossessiva attenzione per il proprio corpo? Disimpareremo a diffidare della pelle degli altri? Continueremo a guardarci come corpi sanitari senza considerare il processo di disumanizzazione in atto ? Che succederà dopo?

Il dossier si propone di dare delle risposte a queste e ad altre domande, con la consapevolezza che forse susciteranno qualche dubbio in più.



Affettuosità al tempo del Covid / Photo di Felix Volkheimer


Il nuovo rapporto con la pelle col toccarsi ovvero come far uso del corpo

di Paul B. Preciado

Corpi disciplinati, normalizzati, uniformati

Del nostro nuovo rapporto con la pelle, col toccarsi, e con quello che ci aspetta dopo la pandemia, ecco come la pensa Paul  Preciado, filosofo e scrittore spagnolo che si occupa di teoria queer, studi di genere e biopolitica.

di Anna Maria Kanakis

Il corpo è gioia e tomba

E' un "Inno alla Gioia e alla Riflessione" questo autoritratto della scrittrice e attrice Anna Maria Kanakis che, rispondendo al nostro invito, inizia la collaborazione con il Centro Studi Berlin89. "Il corpo non lo scegli. Ti incapsula l’anima quando vieni al mondo."  

di Marco Antonio Bazzocchi

Il corpo parla per far parlare

Come il passaggio dal corpo nudo al corpo vestito abbia deviato la storia della cultura, producendo l’insorgere degli effetti più travolgenti dell’immaginazione. Nella letteratura italiana sul tema del corpo che “parla”, da idee semplici e distinte sono nate idee confusissime, ondeggianti, vaghe. 


La nuova realtà fondata sul sopruso e sulla disumanizzazione

di Jonah Furnam e Gabriel Winant

Dove gli esseri umani sono considerati soltanto corpi

All’interno dei  luoghi di lavoro, di tutti i settori, dai trasporti all’assistenza sanitaria, dalla logistica alla produzione alimentare, si susseguono ondate di scioperi e di mobilitazioni di lavoratrici e di lavoratori. E' l'inizio di una fase post-pandemica? 

di Antonio Mutti

Corpi sacrificati online

Le limitazioni imposte dalla pandemia ha inevitabilmente favorito l'isolamento. Nella videopresenza manca la possibilità di toccare le persone e gli oggetti, di percepire sapori e odori, di guardarsi in modo efficace negli occhi.   L’interazione telematica può favorire anche la creazione di nuovi legami sociali, più o meno forti?

di Giovanna Cracco

La fabbrica dei corpi sottomessi

L’Unione europea si è inventata il Green Pass e il governo italiano l’ha trasformato in un obbligo vaccinale, ignorando che la realtà che viviamo è nebulosa e illogica: nebulosa per tutto ciò che ancora non è chiaro, illogica per tutto ciò che già lo è.

di Elena Cuomo

Quei corpi resi immondi che nel mondo non trovano posto

Il progressivo modificarsi del rapporto con se stessi e con gli altri, la burocratizzazione che da tempo trasforma gli uomini in intransigenti funzionari, la violenza sistematica nei confronti di milioni di esseri umani, stanno consolidando  un processo di disumanizzazione che stravolge persino la vita di coppia e le relazioni familiari. E' nata una nuova normalità fondata sulla sopraffazione.

di Francesco Bellusci

Pensarsi tra folletti e fate con i corpi splendenti e saettanti

"Non vedo fate e folletti, a me accade il contrario. Alla mattina di fronte allo specchio, se potessi, deciderei volentieri di fare a meno del mio corpo o di averne un altro", confida Michel Foucault nel corso di una delle due conferenze tenute alla radio nel dicembre del 1966, e poi raccolte, nella traduzione italiana, nel volumetto "Utopie. Eterotopie".

di Domenico Naso

Il fascismo del corpo affligge i gay

Così è definita tra i maschi gay l'ossessione per il corpo perfetto e muscoloso assieme a una giovinezza estetica perenne. Da qualche anno a questa parte si parla anche di body positivity, di accettazione delle proprie forme, della propria magrezza o pinguedine. È una rivoluzione culturale che ha bisogno di tempo ma che comincia a mostrare i primi risultati tra mille e uno disagi esitenziali.


L'effetto della potentia gaudendi: che il corpo sia etero omo bi o trans è poco importante

di Ivano Marescotti

Il turbamento di Dante alla vista di Beatrice nuda

“Ne le sue braccia mi parea vedere una persona dormire nuda, salvo che involta mi parea in uno drappo sanguigno leggeramente…”.  Beatrice esercita il suo potere attraverso la sua fisica presenza, i suoi gesti, il suo apparire, il suo salutare, il suo guardare; è proprio la sua prossimità fisica, il suo corpo, che scatena in Dante le reazioni più intense, palpabili in quei sonetti della Vita Nuova.

di Paolo Molina

La donna è "tutto" per Federico Fellini

Se il Maestro si riferiva ai suoi disegni l'immagine dei corpi femminili che offriva è per molti versi dissacrante, comica, maschilista. Eppure era supportata dal club degli intellettuali ovvero dalla «società della conversazione». Erano gli anni Cinquanta o giù di lì. Roba d'altri tempi? Mica tanto, perchè la differenza di genere è sopravvissuta.

di Federico Squillacioti

Diventare fantasma per capire il corpo

Il corpo ispezionato dalla tecnoscienza, dissacrato dagli hacker, sminuito di ogni valore, trasformato in spettro perchè, "consente di rimettere in discussione che cosa sia il nostro corpo", è il ritratto offerto dalla new generation, riassunto nell'intricato saggio del filosofo 25enne, esempio del nuovo modo di pensare, "interpretare" con il quale siamo obbligati a confrontarci, per non essere definitivamente cancellati come menti e come corpo.

di Centro Studi Berlin89

In Giappone la nudità si vede ma non si tocca

Samurai, hara-kiri (ma la persona colta dice seppuku ), geisha, kimono, yakusa, manga, sushi… tanti cliché esotici. Per quanto riguarda l'economia, il Giappone potrebbe essere la terza potenza mondiale. Per quanto riguarda l'Asia è la Cina a dominare l'immaginario occidentale contemporaneo, ma  soltanto in Giappone l'"uso" del corpo ha qualcosa di straordinario.

di Redazione

1984. La fattoria dei pensieri

Può la fantascienza anticipare l'evoluzione dei  rapporti tra uomini e donne e anticiparne l'evoluzione?  Questa fu la domanda posta nel 1963 dalla rivista Playboy ai più noti autori di fantascienza, tutti anglofoni e di sesso maschile, in una tavola rotonda dal titolo "1984 & oltre".

di Pier Paolo Pasolini

Il corpo secondo Pier Paolo

Il corpo è un elemento cruciale all’interno dell’opera poetica e artistica di Pasolini. Egli calca la mano sul rapporto tra il corpo e il potere, le dinamiche di "educazione", o meglio di "sottomissione" del corpo che tendono a limitare la personalità degli individui entro una gamma ristretta di concezioni e comportamenti. Anche per questo il pensiero di Pasolini è attuale.


Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

Informative

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31