Afghanistan, perchè è il nostro Vietnam

Qual è l'immagine dell'Afghanistan che i media stanno offrendo? Quella del ritorno al Medioevo, con i telebani che ridiventano il pretesto per riesumare e diffondere le vecchie immagini gli antichi capi d’accusa secondo i quali, l’Islam è una religione violenta, che si è imposta con l’uso delle armi; una religione dissoluta dal punto di vista morale; una religione piena di false affermazioni e di consapevoli capovolgimenti della verità. 

Pin It

Continua a leggere

Respiratori, scienze, religioni. E lo Stato

«Le mie giornate sono intrise di sofferenza e disperazione, non trovando più il senso della mia vita. Fermamente deciso, trovo più dignitoso e coerente, per la persona che sono, terminare questa mia agonia».   (Fabiano Antoniani, Dj Fabo, Febbraio 2017)

Pin It

Continua a leggere

L'incommensurabile valore della consolazione

Perchè in Italia c'è un’infondata diffidenza nei confronti delle cure palliative, identificate erroneamente con l’Eutanasia? Chiariamo innanzitutto i due concetti.

Pin It

Continua a leggere

Il vantaggio di essere vecchi

Eutanasia? Un secolo di chiacchiere. Infatti giusto cento anni fa usciva nelle librerie "L' uccisione pietosa (Eutanasia)", E' il primo saggio che affronta l'argomento con la serietà dei contenuti.  Ne è autore Enrico Morselli, psichiatra e antropologo il quale analizzando l'Eutanasia dal punto di vista etico, sociale, religioso e naturalmente medico, descrive anche l'impatto che la questione ha avuto sulla società del primo Novecento. Si constata così che In Italia a distanza di un secolo nulla è mutato, o per essere nel vero quasi nulla. Unica novità: il referendum.  

Pin It

Continua a leggere

Io che ho raccolto firme per il Referendum

E’ qualcosa di umanamente stupefacente il risultato che, nel silenzio dei media, sta raggiungendo la raccolta firme per la proposta di Referendum sulla Eutanasia Legale della Associazione Luca Coscioni. Una campagna che, ricordiamo, propone un referendum per depenalizzare l’aiuto attivo a morire del consenziente in specifiche e definite situazioni, per aprire la strada a una legge sul modello olandese, belga e spagnolo .

Pin It

Continua a leggere

Marcinelle 8 agosto 1956

Il disastro di Marcinelle fu la più grande tragedia mineraria d'Europa e la terza per numero di vittime nella storia dei minatori italiani emigrati. Un incidente che provocò la morte di 262 operai, provenienti da 12 stati diversi, su un totale di 275 persone che lavoravano all'interno della miniera. Più della metà dei minatori, 136 persone, erano italiani, il più giovane ne aveva 14 e il più anziano 53.

Pin It

Continua a leggere

Si può anche morire di turismo

Lo sfruttamento intensivo delle risorse a opera del turismo desertifica il territorio, lo rende invivibile, lo uccide. La turistificazione delle città d'arte modifica l’ecosistema urbano e naturale dei luoghi, trasforma il tessuto sociale, economico e culturale dei centri storici, danneggia l’ambiente, consuma e cancella le stesse caratteristiche alla base dell’attrattività dei luoghi.

Pin It

Continua a leggere

È tornata l'epoca della caccia agli untori

Cosa significa in Italia poter vivere e poter morire liberamente al giorno d‘oggi?  Come mai coloro che si battono per il diritto all’eutanasia non difendono il diritto a rifiutare il vaccino? Non stiamo parlando della libera disposizione dello stesso corpo? L'analogia è oltremodo potente: per l'eutanasia stiamo ancora lottando per il diritto di poter staccare i corpi dal respiratore, durante la pandemia lottiamo per poterceli attaccare. Abbiamo sempre - ieri come oggi - lottato per la vita, ma non ci siamo trovati d'accordo su cosa "vita" voglia dire.  

Pin It

Continua a leggere

© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31