sostiamo

E... via col vento, pizzicando e accarezzando l' Hollywood che fu

Settant’anni indietro nella storia del cinema, ovvero Hollywood degli anni Cinquanta raccontata da Ryan Murphy uno dei pochi registi americani che può veramente fare tutto quello che vuole. Con Hollywood (si)diverte dando linee guida sul cinismo di questo impero brutale che per diventare famose, presunte brave persone hanno  dovuto vendere l’anima al diavolo. Domanda: che cosa è rimasto di quelle brave persone alla fine di un percorso tanto terribile, nell’averle snaturate consenzienti?

di Salvatore Trapani

Continua a leggere

Riflessioni sulla Guerra fredda di Giulietto Chiesa

Chi ha costruito il Muro di Berlino? si chiedeva Giulietto Chiesa, una vita tra giornalismo e politica che si è spento oggi 26 aprile all'età di 79 anni. Non era un personaggio facile con ideali politici sovente arditi e pertanto non da tutti gradito, ma è onesto ricordarlo come un giornalista scrupoloso, di alto profilo e di indiscussa lealtà. Volentieri riproponiamo questo suo contributo apparso sulle nostre pagine per celebrare i trent'anni della caduta del Muro, tema fondante del Centro Studi Berlin89.

Continua a leggere

Himmler, la giornata e l'orrore dell'architetto della Shoah

 Il capo delle SS,Heinrich Himmler ideologo della 'soluzione finale' passava la giornata da una telefonata alla figlia alla messa a punto dei dettagli dell'Olocausto. Tutto è riportato in Die Organisation des Terrors – Der Dienstkalender Heinrich Himmlers 1943 – 1945, così s’intitola il saggio edito da PIPER scritto da cinque storici che con un lavoro di ricostruzione capillare hanno approfondito e commentato con competenza i dati grezzi dell’agenda di Himmler, del suo calendario talvolta scritto a mano e delle note della sua rubrica telefonica..

di Salvatore Trapani

Continua a leggere

La «battaglia di Valle Giulia», un'eredità ai giovani preziosa

Il 1° marzo 1968 si svolgono i fatti che verranno in seguito ricordati anche come la grande «battaglia di strada». Il valore storico di quell'evento sta nella presa di coscienza, da parte dei giovani, di poter chiedere, pretendere, forzare il cambiamento. Una disperata reazione alla mancanza di senso che essi individuavano nella società adulta di cui oggi se ne scorge nella nuova generazione un qualche bagliore. 

di Marco Adorni

Continua a leggere

Il comunismo è morto. Il patriottismo russo no 75 anni dopo Stalingrado

di Martin Sieff

Il 2 febbraio di 75 anni fa segna la fine della più grande, più lunga e sanguinosa battaglia della storia del genere umano: uno scontro che aveva distrutto la punta di lancia di quella invincibile macchina da guerra nazista che aveva conquistato tutta l’Europa in soli tre anni e che sembrava in procinto di conquistare il mondo intero: eppure, incredibilmente, tutti i media occidentali, specialmente negli Stati Uniti, lo hanno fino ad ora completamente ignorato.

Continua a leggere

© Berlin89 2018 - 2019 - 2020

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31