Il miracolo economico tedesco? E' una favola

Il miracolo economico tedesco del secondo dopoguerra sarebbe soltanto una favola che i tedeschi si raccontano per coltivare il loro orgoglio, secondo la giornalista e scrittrice Ulrike Herrmann come si legge in questa sua intervista molto critica e lontana dai soliti luoghi comuni sul mito tedesco del media mainstream, Volentieri la pubblichiamo.

Ulrike HerrmannLa maggior parte dei nostri miti nazionali si occupano di come noi tedeschi diventammo rapidamente ricchi e potenti dopo la guerra. "Tutti questi miti non sono affatto veri", afferma la giornalista Ulrike Herrmann (nella foto accanto). Spiega:
"Si dice sempre che i tedeschi, con la loro diligenza e tenacia, abbiano realizzato da soli un miracolo economico unico, e questo non è vero - in effetti. L'intera Europa è cresciuta dopo la seconda guerra mondiale, e alcuni lo hanno fatto Ad esempio, il paese di maggior successo di sempre - nessuno lo sa - all'epoca era la Spagna ".

La Spagna?

Preferiamo da sempre credere in un miracolo economico tedesco, perché vorremmo essere una superpotenza economica indipendente. Ma questa realtà secondo la nostra interlocutrice non esiste, è una favola. 

E allora - insistiamo - il padre del miracolo economico, Ludwig Erhard lo accantona?

E' soltanto un economista di quarto ordine, afferma Ulrike Herrmann. E un profittatore del nazismo. "Ludwig Erhard è stato direttamente legato al regime nazista e in termini finanziari ha tratto un enorme vantaggio da questo orrore, secondo me il fatto che Ludwig Erhard ancora oggi venga celebrato come se fosse un eroe tedesco è semplicemente uno scandalo".  

Anche i politici dei Verdi si fanno fotografare volentieri insieme ad Erhard. Dietro c'è l'idea che noi tedeschi, con grande diligenza, ce l'abbiamo fatta da soli.
Nel fare ciò però abbiamo fatto affidamento sul commercio europeo come nessun altro paese e sull'aiuto dei nostri vicini. "Il problema con il mito di Erhard è proprio questo. Si finisce per perdere di vista l'importanza degli europei e il fatto che senza l'Europa non ci saremmo mai arricchiti, e ora che l'Eurozona è in crisi, per i tedeschi ovviamente è estremamente pericoloso pensare di poter andare avanti in autonomia e in qualche modo riuscire a sopravvivere da soli. I tedeschi, come spesso si afferma, sarebbero gli ufficiali pagatori d'Europa e starebbero molto meglio se fossero da soli. Come si può leggere nel programma elettorale di AfD".

La fiaba dell'economia sociale di mercato  

homlessDobbiamo finalmente liberarci dalla menzogna insita in certe favole economiche. Lo chiede Ulrike Herrmann nel suo nuovo libro. E quella "dell'economia sociale di mercato" di Erhard è una di quelle favole. Ci fa credere che la durezza del capitalismo sia stata messa sotto controllo e ribilanciata dalla politica.  

Ma allora non è vero? Non doveva funzionare per tutti? In Germania non abbiamo forse un rapporto unico fra capitale e lavoro?  

Risponde Ulrike Herrmann: "Economia sociale di mercato - questo è quello che pensano molti tedeschi quando gli viene ripetuto che l'economia di mercato in Germania convive con la politica sociale.

Ma in realtà l'idea di fondo di Erhard era quella secondo cui il mercato stesso è già sociale di per sé. Il che ovviamente non significa altro che tutti si meritano quello che guadagnano, e cioè:
i ricchi sono a ragione ricchi, e non c'è bisogno di alcun sindacato.

Erhard è sempre stato contro i sindacati e ha sempre ripetuto che bisognava ridurre i salari. E questa idea: viviamo in un'economia sociale di mercato, e quindi i lavoratori dovrebbero essere grati di vivere in questo sistema perfetto, e non dovrebbero chiedere salari più alti, perché tutto è già così sociale. E questo si trascina fino al giorno d'oggi. E tragicamente bisogna dire che Gerhard Schröder con la sua Agenda 2010 in realtà è stato l'erede perfetto di Erhard”.  

Diventare ricchi grazie alla povertà?  

Schröder era orgoglioso di aver creato il più grande settore a basso salario d'Europa, in uno dei paesi più ricchi al mondo.
Il suo argomento: se vogliamo che l'economia prosperi bisogna alleggerire il peso sulle aziende, e alla fine tutti potranno trarre beneficio da questa ricchezza.
"L'intera filosofia alla base del settore a basso salario è assurda, perché si fonda sull'idea che si possa diventare ricchi diventando piu' poveri. Le persone vengono rese artificialmente povere dai bassi salari, e ciò dovrebbe condurre al benessere. Ma questa è una stupidaggine. La povertà non può renderti ricco. Ma quello che la Germania dovrebbe fare è porre fine quanto prima a questo settore a bassa retribuzione e convertire tutti questi lavori - mini-jobs, lavoro interinale e così via - in posti di lavoro regolari pagati con un salario dignitoso. 

Non c’è un surplus di esportazioni, ma un deficit di importazioni 

lavoroI salari in Germania vengono mantenuti bassi in modo da poter vendere le nostre merci all'estero al prezzo piu' basso possibile: questo è il mito del campione mondiale dell'export.

Ma le nostre eccedenze nell'export non sono qualcosa di cui essere felici, Herrmann dice a proposito:

"In realtà, bisognerebbe dire che ciò a cui assistiamo, non è un’eccedenza nell’export, ma un deficit di importazioni - se si vanno a vedere le ragioni di questo surplus, si capisce che ciò accade perché i salari in Germania sono così bassi che non possiamo permetterci di comprare abbastanza beni dai nostri vicini ".

Con i nostri bassi salari e le nostre merci economiche mettiamo gli altri europei sotto pressione. E allo stesso tempo importiamo troppo poco di quello che loro producono. Al contrario: prestiamo loro denaro per acquistare i nostri beni, il che rende la somma del debito non piu’ rimborsabile sempre maggiore.

"Dagli Stati Uniti al Fondo monetario internazionale, all'OCSE, alla Banca centrale europea, i nostri vicini, primo fra tutti Macron, ci dicono che in Germania i salari devono aumentare, in modo che l’economia possa crescere e quindi mettere in moto anche l’import. E tutti sono concordi su quello che la Germania dovrebbe fare, solo i tedeschi non ne vogliono sapere", afferma Herrmann.

 Un pericolo per la democrazia 

Si tratta di una follia economica e di un pericolo per la democrazia. Perché sostiene Herrmann, " L'economia attualmente produce grandi diseguaglianze e avvantaggia solo il 10 per cento piu’ ricco.

Non si può promettere l'uguaglianza politica e poi consentire una disuguaglianza economica che diventa sempre più ampia, in questo modo avremo sempre piu’ persone che si sentono lasciate indietro, le quali avranno la sensazione di non trarre alcun beneficio. E alla fine ad affermarsi sarà solo il disincanto politico e questo disprezzo per lo Stato.

E cio‘ potra essere sfruttato politicamente dai partiti estremisti, come infatti accade. E non soltanto in Germania ".

Fonte: ARD.de 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/218
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy