Ciao Berlin

In Germania c'è una guerra civile sotterranea

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

Parla László Földi, colonnello ed ex agente dell'Intelligence del ministero degli Interni ungherese. dopo la strage di stampo neonazista di Hanau. Földi ha senza dubbio una sua personale interessante visione dei fatti che è riportata da Epoch Times,testata online considerata vicina ad AfD.

di Szilvia Akbar

Continue reading

E' il boom immobiliare il tormento di Berlino

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

di Annette Krause-Thiel

La Bundesbank ha puntato il dito sui crescenti rischi della stabilità del sistema bancario tedesco. Ha indicato il mercato immobiliare, come la maggiore fonte di preoccupazione, poiché prezzi delle case e degli appartamenti continuano a salire, di conseguenza il volume dei mutui erogati si sarebbe moltiplicato, come ha  scritto Die Welt commentando i dati Bundesbank.

Continue reading

La Germania è un paese governato dai ricchi

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

di Sören S. Sgries

Così conclude il sociologo Michael Hartmann secondo il quale a dominare l'economia e la politica tedesca è un gruppo molto ristretto di persone appartenenti alle élite storiche del paese pertanto un terzo della popolazione non  sentendosi più rappresentato diserta le urne.

Continue reading

minijob

In crescita i tedeschi con un secondo lavoro per campare

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

C'è sempre un qualche zelante addetto all'informazione mainstream che si ostina  a presentare della Germania un'immagine idiliaca, anche se così spesso non è. Nella "ricca" Germania più di 3.5 milioni di occupati hanno bisogno di un secondo lavoro, quasi sempre un minijob, per sbarcare il lunario.

Continue reading

© Berlin89 2018 - 2019
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Log in



cover Massima Depero copy