Covid-19. Diventa un cappio al collo la localizzazione di Google

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

La tecnologia consente di monitorare gli individui per regolamentare meglio gli ordini di rimanere in casa. Tuttavia, questo apre nuove possibilità per i regimi autoritari. Gli israeliani che violano la quarantena sono ora soggetti fino a sette anni di prigione, e i dati di localizzazione potrebbero essere utilizzati contro gli individui. Il gruppo per le libertà civili senza scopo di lucro della Electronic Frontier Foundation ha espresso profonda preoccupazione per la notizia.

di Alan Macleod

google2Photo Marcello Zavalloni

Nella lotta contro COVID-19, Google ha annunciato la sua partnership con decine di governi di tutto il mondo, condividendo la cronologia della localizzazione dei suoi utenti e, contemporaneamente, dandoci un’idea di quanto la compagnia della Silicon Valley sappia di noi.

Mentre le comunità globali reagiscono al COVID-19, abbiamo sentito dai funzionari della sanità pubblica che lo stesso tipo di informazioni aggregate e anonime che utilizziamo in prodotti come Google Maps possono essere utili per prendere decisioni importanti nella lotta al COVID-19”, ha scritto, presentando la sua montagna di raccolta dati intrusivi come positiva.
“Speriamo che questi report aiutino a sostenere le decisioni su come gestire la pandemia COVID-19”, ha aggiunto, suggerendo che i dati di localizzazione dei dispositivi dei suoi utenti potrebbero “aiutare i funzionari a capire i cambiamenti nei viaggi essenziali”, informare le aziende e aiutare i governi locali a pianificare e fornire servizi di trasporto più efficienti, limitando così la diffusione del virus mortale.
 
I dati che ha rilasciato, anche al pubblico, sono certamente interessanti (e abbastanza preoccupanti).
Ad esempio, i dati di localizzazione ricavati dagli smartphone mostrano che oggi in Italia ci sono l’85% in meno di viaggi verso negozi di alimentari o farmacie rispetto ai primi di febbraio, prima che il coronavirus colpisse il Paese.
L’Italia è stata sottoposta a un massiccio blocco, come dimostrano i dati di Google. Le visite al dettaglio e le attività ricreative sono diminuite del 94 per cento, i viaggi nei parchi sono diminuiti del 90 per cento, le stazioni di transito dell’87 per cento.
La curva di infezione del Paese sembra finalmente appiattirsi.
Al contrario, le visite al dettaglio e ricreative americane sono scese solo del 47%, le visite a negozi di alimentari e farmacie del 22%, i parchi del 19% e le stazioni di transito del 51%, il che suggerisce che gli americani non stanno a casa abbastanza per attenuare le fiamme del virus.
 
Google insiste sul fatto che la sua nuova politica non violerà la privacy degli utenti, promettendo di “aderire ai nostri rigorosi protocolli sulla privacy e proteggere la privacy delle persone.
Nessuna informazione di identificazione personale”, afferma, “sarà resa disponibile in qualsiasi momento”.
Questo non ha rassicurato tutti. MintPress News ha parlato con un dirigente pubblicitario che ha alzato gli occhi al cielo per l’annuncio.

Il tuo nome è solo un punto di dati”, hanno detto, osservando che “i livelli e gli strati di informazioni che gli stai dando,” come dove vivi, quali sono i tuoi interessi, e quali sono gli account dei social media che continui a frequentare (i tuoi), rendono oltremodo facile identificare i dati di chi stai guardando. “Sei tu, che ti piaccia o no, anche se il tuo nome non è legato ad esso”, hanno detto.

Anche il gruppo per le libertà civili senza scopo di lucro della Electronic Frontier Foundation ha espresso una certa preoccupazione per la notizia.
Sebbene abbiano riconosciuto che i dati in possesso di Google potrebbero aiutare la lotta contro COVID-19, hanno avvertito che il consenso dovrebbe essere richiesto prima di utilizzare i dati e che il processo deve essere trasparente.
“Gli esperti lavoreranno spesso all’interno di aziende private con accesso proprietario ai dati. Anche se fanno tutte le scelte giuste, il pubblico deve avere la possibilità di rivedere queste scelte perché le aziende condividono i dati del pubblico“, hanno detto, invitando Google a rilasciare la sua metodologia completa.
 
L’informatore e sostenitore della privacy Edward Snowden è andato oltre, 
 in un’intervista del mese scorso, che “non ci sono prove concrete che questo funzioni”. “Qui non è il GPS del vostro telefono” che stanno usando, ha detto, sostenendo che, fintanto che non è in modalità aereo, alcuni dati saranno catturati che si acconsenta o meno.
Il sito tecnologico The Verge, tuttavia, ha scritto che i dati vengono raccolti solo da utenti che hanno già scelto di memorizzare la loro cronologia di localizzazione.
Quindi, se gli utenti disabilitano la loro cronologia di localizzazione, questo dovrebbe impedirgli di effettuare la maggior parte del tracciamento.
 
La tecnologia consente di monitorare gli individui per regolamentare meglio gli ordini di rimanere in casa. Tuttavia, questo apre nuove possibilità per i regimi autoritari.
Gli israeliani che violano la quarantena sono ora soggetti fino a sette anni di prigione, e i dati di localizzazione potrebbero essere utilizzati contro gli individui. Sarebbe qualcosa da mandare in prigione perché il tuo telefono ha fatto la spia su di te mentre vai a passeggio. Inoltre, data la storia del paese in termini di applicazione di leggi razziste, c’è un il potenziale per gravi abusi.

La mossa di Google è solo l’ultima di una lunga serie di collegamenti sempre più stretti tra le grandi aziende tecnologiche e il governo e lo stato di sicurezza. Nel loro libro intitolato “The New Digital Age: Reshaping the Future of People, Nations and Business”, Eric Schmidt e il dirigente di Google Jared Cohen hanno scritto: “Ciò che Lockheed Martin è stato per il ventesimo secolo… le aziende di tecnologia e sicurezza informatica [come Google] saranno per il ventunesimo” [Lockheed Martin è il maggiore fornitore del dipartimento della difesa USA].

Nel 2018 Facebook ha annunciato la sua partnership con il Consiglio Atlantico per aiutarli ad eliminare le notizie false sulle sue piattaforme. Espressione della NATO, il Consiglio è gestito da decine di ex funzionari governativi di alto livello, tra cui Henry Kissinger, Colin Powell e Condoleezza Rice, e numerosi ex capi della CIA, tra cui Michael Hayden, Leon Panetta e Michael Morell. Da quando ha lavorato con il Consiglio, Facebook si è mosso rapidamente per sopprimere le informazioni e le opinioni provenienti dai nemici di Washington, compresi i governi di Russia e Venezuela.

E quando Trump ha assassinato il generale iraniano Qassem Soleimani, Facebook ha vietato tutti i messaggi di sostegno allo statista ucciso, nonostante fosse popolare per oltre l’80% dei suoi concittadini. Facebook ha spiegato la decisione, specificando che non Facebook non è di un fornitore di servizi neutrale, ma è una società americana che opera secondo le leggi americane, e quando Trump dichiara che qualcuno è un terrorista, la compagnia si conformerà.

Anche se l’ultimo utilizzo di Google per i nostri dati è probabilmente l’unico caso in cui vengono utilizzati per aiutare l’umanità piuttosto che per venderli senza sosta a campagne pubblicitarie, ha comunque delle ramificazioni preoccupanti. Snowden ha avvertito che le nuove leggi che violano le libertà civili tendono ad essere “appiccicose”, cioè molto difficili da eliminare.
Finanziando entrambi i partiti politici e ricevendo miliardi da parte del governo e dello stato di sicurezza per i contratti militari, è sempre più difficile vedere dove finiscono le grandi aziende tecnologiche come Google e dove comincia il governo. Forse la profezia di Schmidt e Cohen era corretta.

Fonte:   mintpressnews.com 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Anmelden



cover Massima Depero copy